Forlimpopoli-di-sera

Torna Serefuori giovedì 9 luglio a Forlimpopoli, la nuova proposta estiva promossa dal Comune di Forlimpopoli in collaborazione con Romagna Musica cui hanno contribuito tantissime realtà del territorio e che si articola in diversi appuntamenti. Alle ore 19,00 Margherita Barbieri presenta nella Corte di Casa ArtusiLa bestia di Salvini” (Edizioni del Girasole 2019). Come ha fatto la Lega a conquistare così tanti elettori? Questo libro dà una risposta precisa, tramite un’analisi critica attenta della comunicazione del Capitano. Un volume da leggere per scoprire fino a che punto il potere dei social media può influenzare gli italiani e il loro voto.

Dalle ore 19,30 alle 22,30 sarà possibile visitare il Museo Archeologico “Tobia Aldini” in piazza Fratti. Ospitate nei suggestivi ambienti al pianterreno della Rocca rinascimentale, le collezioni del Museo Archeologico di Forlimpopoli coprono un arco temporale molto ampio che va dall’epoca preistorica all’età romanae per spingersi poi nelle ultime sale fino all’età medievale e rinascimentale. Lungo il percorso è possibile, inoltre, ammirare le vestigia della cattedrale romanica (XII secolo) intitolata a Santa Maria foropopiliense, distrutta nel 1361 e sui cui resti venne successivamente eretta la Rocca. Attualmente il Museo ospita anche l’emozionante mostra “Tour Operator”, dedicata al tema delle migrazioni, del celebre artista forlivese Massimo Sansavini.

Alle ore 20,00 debutta il nuovo “itinerario” dedicato alla gastronomia, ovvero al rapporto tra la città di Forlimpopoli e il cibo nella storia: questa volta saranno due improbabili salutisti a portarci a riscoprire la storia dell’alimentazione al tempo della Forlimpopoli romana, della leggenda della Segavecchia, della storia del mercato fino alla rilettura della figura di Artusi. La drammaturgia e la messa in scena è a cura dal regista forlimpopolese Simone Toni, le prenotazioni si raccolgono al 349 4045927 o scrivendo a organizzazione@incauti.org.

Alle ore 21,15 all’Arena Serefuori di Piazza Garibaldi Red Roses Duo. Le Red Roses si incontrano tra le mura del Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena. Nei cinque anni dalla sua formazione, il duo si esibisce nei teatri e per diverse rassegne musicali in Italia e all’estero, ha partecipato inoltre ad eventi di importanza internazionale come ad esempio l’ Expo 2015, l’inaugurazione del Water Terminal all’aeroporto di Venezia nel 2016, e il Salone Mondiale dell’Auto di Parigi nel 2018. Dal 2014 le Red Roses sono protagoniste delle famosa rassegna “Albe Musicali” di Pinarella di Cervia alla quale hanno dedicato il loro primo cd “Albae”. Dalla sinergia delle due musiciste animate dalla comune passione per la musica etnica e la cultura celtica, nasce un’atmosfera accattivante e coinvolgente che trasporta in una dimensione dalle sfumature antiche. Il dolce accompagnamento dell’arpa accostato al suono intenso del violino colora lo spettacolo di armonie suggestive, attraverso un viaggio musicale per quelle terre d’incanto e di meraviglia, di miti e leggende, riaffiorano echi di tempi lontani, dal Medioevo, al Rinascimento, fino al folk odierno. Saranno proposti brani della tradizione popolare celtica e non solo, arie e ballate di amore e guerra e danze dal ritmo travolgente.

Alle ore 22,15 al Circolo Arci Bevitori Longevi I Santini (duo acustico Voce e chitarra) + Le Medie (duo acustico di chitarre). Anche giovedì 9, come tutti i giovedì, piatti e degustazioni speciali accoglieranno il pubblico al Ristorante Casa Artusi in via Andrea Costa 31, Ristorante NAT Riso e dintorni nel piazzale Aldo Moro 4, Caffetteria Roma in piazza Garibaldi, Flambeh Bottega e Cucina in piazza Garibaldi 2, Ristorante Pizzeria Il Melograno in piazza Trieste e Beer Art, dove si potranno anche ammirare le opere di diversi artisti locali.