Missione-Imprese

Il Comune di Santa Sofia, a partire dal 15 luglio, aprirà il bando “Missione imprese” per la concessione di contributi per investimenti rivolto alle microimprese aventi sede legale operativa o unità locale nel territorio del Comune di Santa Sofia. Destinatari del bando sono gli esercizi di vicinato (commercio alimentare e non, fino a 150 mq), i pubblici esercizi (attività di somministrazione di alimenti e bevande), gli operatori commerciali su area pubblica, le attività artigianali e di servizi alla persona e le strutture turistico-ricettive (alberghiere, extra-alberghiere e ricettive all’aria aperta).

All’emergenza sanitaria di questi mesi, lo sappiamo, se ne sovrappone una economica che rischia di generare gravi conseguenze sulle famiglie e sulle imprese – spiega il sindaco di Santa Sofia Daniele Valbonesi -. Con questo bando cerchiamo di sostenere il lavoro e gli investimenti di chi dal covid-19 ha subito le conseguenze peggiori. Lo facciamo per accompagnare i loro sforzi giornalieri e per guardare avanti insieme, convinti che essere una comunità voglia dire essere vicini a chi vuole scommettere in questo territorio anche in momenti difficili. Trovare risorse dal bilancio comunale non è stato facile, ma sono convinto, per quanto detto prima, sia stata la scelta giusta”.

Entrando nel dettaglio del bando, gli interventi finanziabili riguardano l’acquisto di beni mobili come impianti, macchinari, attrezzature ed altri beni funzionali all’attività di impresa quali arredi interni e/o esterni, strutture esterne come dehors, gazebo, tende esterne e similari, ma anche beni volti ad ampliare il servizio già offerto, quali a titolo d’esempio: noleggio e-bike, aree destinate a gioco, device digitali sempre funzionali all’attività di impresa. L’importo minimo totale dell’investimento ammissibile è pari a € 1.000 (iva esclusa) e le spese non sono ammissibili qualora siano già destinatarie di altro contributo (anche a credito d’imposta). I contributi sono erogati nella misura massima del 70% delle spese riconosciute ammissibili e comunque con il limite massimo complessivo di € 2.500 per ciascun beneficiario.

Compatibilmente alle nostre possibilità e alla disponibilità di risorse, intendiamo dare un segnale di vicinanza ad artigiani e commercianti che rappresentano una parte importante del tessuto sociale e produttivo della nostra comunità – dichiara l’assessore alle attività produttive Isabel Guidi -. Desideriamo, inoltre, sostenere lo sviluppo ed il rinnovamento delle imprese locali, con un occhio di riguardo alle nuove imprese, ai giovani imprenditori, all’impresa femminile e a chi, più in generale, crea occupazione. Siamo consapevoli del fatto che questo intervento non può sopperire ai mancati incassi determinati dalle chiusure imposte dal Governo ma siamo certi che possa rappresentare un sollievo per chi ha dovuto affrontare ulteriori spese”.

Il bando, infatti, prevede di assegnare un punteggio aggiuntivo alle imprese che hanno subito diminuzione del fatturato pari o superiore al 33% nel trimestre marzo-maggio 2020 rispetto al medesimo trimestre dell’anno precedente, alle imprese di nuova apertura (attive dal 1 giugno 2019), a quelle che occupano personale dipendente (escluso lavoro intermittente, somministrazione e voucher), alle imprese “donna” ( in cui la componente femminile deve essere in maggioranza) e alle impresa “giovani” (titolare o almeno un socio nato dal 1 gennaio 1980).

Come preannunciato, non mancano nuovi interventi a vantaggio delle categorie maggiormente colpite dall’emergenza covid e questo bando ne è prova tangibile: ben 35.000€ di risorse proprie a disposizione di artigiani e commercianti che investono nelle loro attività – puntualizza Matteo Zanchini assessore al bilancio -. Bisogna guardare al futuro con positività e determinazione, e questo aiuto vuole essere un trampolino concreto per ripartire più forti di prima. Il Comune, come promesso, fa la sua parte al fianco di chi fa impresa, protagonista del tessuto economico e sociale di questo territorio”.

La domanda, di partecipazione va presentata dal 15 luglio al 15 settembre inviando a mezzo pec all’indirizzo comune.santa-sofia@cert.provincia.fc.it il modulo di domanda debitamente compilato sotto forma di dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante il possesso dei requisiti richiesti. Il modulo va firmato digitalmente dal richiedente o da procuratore abilitato mediante procura speciale. Il testo del bando ed il modulo di domanda sono scaricabili dal sito www.comune.santa-sofia.fc.it a partire dal 15 luglio. Per informazioni è possibile contattare il Servizio Attività Produttive del Comune di Santa Sofia, Valeria Barchi valeria.barchi@comune.santa-sofia.fc.it allo 0543/974516 o Gigliola Leoni gigliola.leoni@comune.santa-sofia.fc.it – 0543/974519.