Sicuramente Bertinoro”: è questo il claim della campagna di comunicazione con la quale la città dell’ospitalità si prepara all’estate 2020. Una campagna di comunicazione a largo raggio che mira a promuovere il territorio e le sue eccellenze puntando, da un lato, al turismo di prossimità e, dall’altro, al target della vacanza attiva, a partire dagli appassionati di bike e trek.

Obiettivo dichiarato attirare visitatori sul balcone di Romagna, e sostenere così le molte imprese bertinoresi impegnate nei settori dell’enogastronomia e della ricettività, autentiche colonne portanti dell’offerta turistica e dell’economia di questo territorio, come testimoniano i numeri: nel comune collinare sono presenti circa cinquanta di locali fra ristoranti, trattorie, osterie, enoteche, agriturismi, piadinerie, ecc, di cui una ventina in pieno centro storico. Per favorirne la ripresa (e tenendo conto anche delle indicazioni dei protocolli di sicurezza) il Comune ha già previsto che le attività del settore possano ampliare gli spazi esterni occupati con tavolini e dehor fino a raddoppiare l’estensione di suolo pubblico occupato senza nessun onere.

Il claim ‘Sicuramente Bertinoro’ gioca su una duplice chiave di lettura. Da un lato sottolinea che a Bertinoro ci sono tutte le condizioni per garantire la massima sicurezza ai suoi ospiti. Ma, soprattutto, che Bertinoro è sicuramente il luogo ideale per trascorrere momenti piacevoli di relax, grazie agli ‘ingredienti’ della sua offerta turistica: vino d’eccellenza, buona cucina, l’ospitalità di un suggestivo borgo medievale, l’incantevole vista a volo d’uccello sulla pianura romagnola.

Gli interventi pianificati mixano tradizione e contemporaneità: in programma affissioni in tutta la Romagna, con particolare focalizzazione sulla Riviera; campagne specifiche che si svilupperanno per tutta l’estate sui principali social network (Facebook e Instagram), un lancio nazionale rivolto ai media specializzati in turismo, bike ed enogastronomia.
Per il programma di affissioni sono stati realizzati tre manifesti: uno dedicato al “vino che fa innamorare”, il secondo che accende i riflettori su “cibo e panorama da urlo”, il terzo che mette in scena “la dolce vita del borgo”, con le sue bellezze e il suo fascino storico. Messaggi semplici e diretti, accompagnati da immagini evocative, per colpire con immediatezza i potenziali visitatori.

Altro punto importante messo in evidenza nella campagna è la facilità con cui si arriva a Bertinoro praticamente da ogni parte della Romagna. Per il lancio nazionale, invece, si è deciso di porre l’attenzione sul fascino del borgo medievale, delle pievi e delle rocche che caratterizzano l’intera area della Romagna dello Spungone, di cui Bertinoro è parte integrante, ma anche sulla vocazione ciclistica di questo territorio, dove si può pedalare sulle orme di grandi campioni e seguire i percorsi di gare celeberrime, come la mitica Nove Colli.