I rituali e le stragi

0

Se un governo della Repubblica volesse scavare veramente negli ultimi cinquant’anni, non avrebbe difficoltà a farlo: basterebbe aprire gli archivi (tutti) a una pattuglia di “professionisti del passato” (storici, archivisti e bibliotecari), giovani e meno giovani. Ne verrebbe a capo facilmente. Ma nessun governo della Repubblica, né alcun Presidente della Repubblica, hanno davvero interesse a farlo.

Il rituale è più che sufficiente; quanto alla verità, ci penseranno i giovani ricercatori fra 50 anni, quando questi eventi avranno la stessa travolgente attualità che ha per noi oggi la guerra d’Abissinia. Cioè zero. La ragion di Stato esige questa patetica ipocrisia. Tutti fingiamo di credere in “cattivi” senza nome, come se fossero Macchia Nera che sfugge diabolicamente alle indagini del commissario Basettoni; è comodo, in fondo.

Ed è sempre stato così. Non a caso, i documenti del Pentagono sulla guerra del Vietnam, pubblicati dal “New York Times”, si ricordano ancora come una luminosa eccezione.

CONDIVIDI
Articolo precedenteVietina: «Vicini sui bus, distanti in aula? Un'assurdità»
Articolo successivoIl Comune di Bertinoro esige chiarezza sul 5G
Roberto Balzani, nato a Forlì il 21 agosto 1961, è uno storico, saggista e politico italiano. È professore ordinario di storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali, Università degli Studi di Bologna. È stato sindaco di Forlì, dal 2009 al 2014 è professore ordinario di Storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell'Università di Bologna (sede di Ravenna), della quale è stato preside fra il 2008 e il 2009. Ricercatore in Storia contemporanea alla Facoltà di Scienze Politiche “Cesare Alfieri” di Firenze dal 1992, è divenuto poi professore associato alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell’Università di Bologna e quindi professore ordinario. Fra i suoi interessi più recenti, la storia del regionalismo e del patrimonio culturale, cui ha dedicato diversi saggi, collaborando alle iniziative promosse alla Scuola Normale Superiore di Pisa da Salvatore Settis. Fra il 1992 e il 1996 ha fatto parte del consiglio d’amministrazione della Fondazione “Spadolini – Nuova Antologia” di Firenze. E’ stato a lungo componente del consiglio direttivo della Società di Studi Romagnoli, dell’Istituzione Biblioteca Malatestiana di Cesena e dell’Ibc Emilia-Romagna. Fra le principali pubblicazioni da menzionare la ricostruzione del regionalismo culturale romagnolo fra ‘800 e ‘900 (La Romagna, Bologna, 2001, ristampata con un nuovo capitolo nel 2012); inoltre, la sintesi Storia del mondo contemporaneo, Milano, 2003 (con Alberto De Bernardi), la ricerca di storia dei beni culturali Per le antichità e le belle arti. La legge n. 364 del 20 giugno 1909 e l’Italia giolittiana (Bologna, 2003) e la cura dei Discorsi parlamentari di Carducci (Bologna, 2004). Con Angelo Varni è curatore de La Romagna nel Risorgimento (Roma-Bari, 2012). Alla sua esperienza di amministratore è dedicato il pamphlet: "Cinque anni di solitudine. Memorie inutili di un sindaco" (Bologna, 2012). E’ autore di diversi manuali di storia per le Scuole medie e i Licei.