Confcommercio: «Cogliamo positivamente il riutilizzo dell’Hotel della Città»

0

Abbiamo letto con molto piacere e con grande interesse quanto pubblicati ieri dagli organi di informazione in merito all’Hotel della Città. La notizia che sono stati effettuati i primi interventi a uno degli edifici più prestigiosi della città, come noto a tutti progettato nel 1953 da Giò Ponti, iniziando dalla messa in sicurezza dell’edificio e con le indispensabili attività di riassetto e pulizia delle parti esterne, è un fatto che cogliamo positivamente” è il commento di Alberto Zattini direttore di Ascom.

I primi atti volti al recupero di quest’area – continua il direttore di Confcommercioche versava in uno stato di evidente degrado da ormai 5 anni, sono da accogliere in modo estremamente positivi e vanno ad aggiungersi agli altri interventi svolti nella città da parte dell’Amministrazione Comunale per migliorare il decoro urbano. Inoltre le dichiarazioni di Andrea Babbi, presidente della Fondazione Garzanti, ci fanno pensare che tutte le prospettive manifestate, nessuna esclusa siano di estremo interesse per il futuro di questa area della città, per il corso della Repubblica sul quale si affaccia direttamente, e per l’intera città sia dal punto di vista socio-culturale che economico“.

La futura integrazione di questa area con le future attività accademiche, nello specifico le scelte fatte dall’Amministrazione Zattini che è riuscita a portare già da quest’anno la facoltà di medicina a Forlì, siamo certi porterà ad una ripartenza di questa area e sarà di stimolo e aiuto anche alla vitalità economica della nostra città. Affermiamo senza alcun dubbio che la scelta effettuata dal sindaco Zattini in merito alla nomina dei consiglieri di propria rappresentanza all’interno del Cda della Fondazione Garzanti e nello specifico del presidente Andrea Babbi, sia stata centrata sia per le indubbie capacità della persona che per l’importantissimo profilo professionale che lo contraddistingue. Citando una battuta dello stesso Babbi ci auguriamo che la “fase 2 e la fase 3” dell’area Hotel della Città arrivino in fretta” conclude Alberto Zattini.