mercato in piazza Saffi a Forlì

I concessionari dei mercati extralimentari saranno esentati dal pagamento del canone per l’occupazione del suolo pubblico per le seguenti giornate: 29 maggio, 1, 5, 8, 12,15, 19, 22, 26 e 29 giugno”. È questa la novità del mercato ambulante di Forlì, contenuta nell’ultima ordinanza sindacale di Zattini avente ad oggetto misure urgenti di ridefinizione degli spazi e posizionamento dei posteggi dei mercati extralimentari del lunedì e del venerdì, nel rispetto delle prescrizioni dettate dal D.P.C.M. 17 maggio 2020 e di quelle contenute nell’ultima ordinanza regionale del presidente Bonaccini.

Domani si riparte con prudenza e nel rispetto di regole ben precise”. È l’assessore con delega ai mercati Andrea Cintorino che spiega nel dettaglio il contenuto dell’ordinanza sottoscritta nel pomeriggio dal Sindaco Zattini. “Per evitare assembramenti e assicurare il distanziamento sociale, abbiamo ritenuto necessario adottare opportune misure logistiche ed organizzative che mettano in sicurezza la clientela e gli operatori. La ripresa delle attività dei mercati extralimentari del lunedì e del venerdì dovrà quindi avvenire con regole ben precise e sotto la supervisione della Polizia Locale, che avrà compiti di controllo e pronto intervento nel caso di situazioni fuori norma”.

Ma quali sono le prescrizioni più impattanti contenute nell’ordinanza? “Prima di tutto, la partecipazione alla spunta per l’assegnazione dei posteggi non utilizzati è temporaneamente sospesa, così da permetterne l’utilizzo per le operazioni di distanziamento sociale. Per ragioni di profilassi sanitaria, inoltre, la vendita dei beni usati è momentaneamente interdetta e riprenderà solo al termine dell’emergenza. Al fine di garantire un allargamento di alcune corsie di percorrenza delle aree mercatali ed evitare punti di congestione del traffico pedonale, alcuni posteggi, situati in zone giudicate a maggior rischio di assembramento, hanno trovato temporanea ricollocazione in altra area dello stesso mercato. Sia gli operatori commerciali che la clientela dovranno indossare guanti monouso, mascherina protettiva e rispettare l’obbligo del distanziamento sociale in tutte le fasi dell’attività di compravendita. Infine, i titolari dei posteggi dovranno garantire la pulizia ed igienizzazione quotidiana delle attrezzature prima dell’avvio delle operazioni di vendita e mettere a disposizione della clientela sia un numero sufficiente di dispositivi per l’igienizzazione delle mani, sia una serie di contenitori ad hoc per la raccolta di guanti e mascherine usati, al fine di evitarne la dispersione per strada o all’aperto”.

Il graduale ritorno alla normalità determinato dall’avvio della cosiddetta fase due è ancor più delicato dell’emergenza stessa – conclude l’assessore Cintorino – basta poco per riprecipitare nell’abisso del contagio e vanificare gli sforzi profusi in questi mesi. Non abbasseremo la guardia proprio adesso e soprattutto non lo faremo a discapito della salute pubblica”.