Confcommercio e Tippest lanciano un sistema integrato per le prenotazioni a domicilio e take away

0

Il mercato in questo momento è decisamente critico per tutte le attività commerciali ed ormai è chiaro che, anche se a breve cominceranno le riaperture, la situazione non potrà essere più quella di prima. Ad essere particolarmente colpiti sono quegli esercizi in cui le persone si devono “concentrare” per definizione come Ristoranti, Piadinerie, Gelaterie, Bar.
La maggior parte di queste attività si è già attrezzata per le consegne a domicilio e tra poco potrà partire col take away. Ma restano problemi di carattere organizzativo e legati alla scarsissima presenza di tecnologia e di sistemi gestionali di transazione e prenotazione online.

Fipe Confcommercio ha deciso quindi di andare incontro alle esigenze degli associati creando un progetto integrato con la tecnologia di Mediatip. Il nuovo sistema si chiama Smart Commerce e fornisce a chiunque voglia attivarlo una gamma di servizi davvero completa che vanno dalla consulenza e assistenza alla tecnologia, alla pubblicità e al marketing. Cosa consiste? Una scheda di presentazione del locale e dei servizi offerti con testo, foto e video che può integrare il sito internet aziendale o, come in molti casi, trasformarsi in vero e proprio sito web per tutte le attività che ancora non ce l’hanno.
Un sistema di acquisto on line con carta di credito o altri strumenti. Un sistema di prenotazione della consegna basato sulle disponibilità del locale che sceglie quando, in che zona e anche il numero massimo di consegne disponibili. In più un sistema di recensioni automatizzate e certificate che permette agli utenti di fare le proprie segnalazioni e al commerciante di verificare la qualità del proprio servizio.

Questo per quanto concerne la tecnologia, ma non è finita: tutte le proposte saranno inserite in automatico anche sui portali locali di Mediatip e su Tippest e proposti agli oltre 300.000 utenti della community romagnola utilizzando social, newsletter e tutti i più moderni modi di comunicazione via web. I consulenti di Confcommercio inoltre forniranno supporto per elaborare al meglio le proposte da inserire in piattaforma. Il sistema si abilita in pochi giorni e non necessita di Pos virtuale dal momento che i pagamenti sono fatti sulla piattaforma stessa e poi inviati tramite bonifico bancario al conto dell’esercente.

Il caricamento delle offerte e di customer care è centralizzato e gestito da personale di Mediatip. Chi aderisce al servizio avrà a disposizione un consulente raggiungibile via telefono e mail che si occuperà di tutta la gestione. “Sono i nostri ristoratori e non solo ad averci chiesto dei sistemi online per riuscire a sviluppare il prossimo business. Le consegne a Domicilio sono cruciali ora, ma saranno fondamentali anche in futuro. Abbiamo fatto quindi un’accurata ricerca e abbiamo trovato in Mediatip il partner che ci consentisse di creare un servizio davvero innovativo. Abbiamo deciso di proporre il software perché il momento è davvero duro e volevamo dare un segno tangibile della presenza e della vicinanza della nostra Associazione” commenta Alberto Zattini direttore di Confcommercio (nella foto).

Tutti facciamo parte dello stesso ecosistema economico – commenta Luigi Angelini amministratore delegato di Mediatip – quindi nessuno è immune da questa crisi. Dobbiamo cogliere l’occasione per cercare di creare le basi per qualcosa di duraturo. Una buona tecnologia per il domicilio e il take away ci è sembrato un ottimo modo per andare incontro alle esigenze di commercianti ed artigiani. Poter loro fornire software, ma anche assistenza e pubblicità dovrebbe davvero aiutarli a approcciare al meglio il mondo del web. Tutti non vediamo l’ora di tornare alla normalità, ma credo che alcune abitudini resteranno e che l’e-commerce, come le consegne a domicilio debbano far parte di qualsiasi attività che voglia restare sul mercato. I nostri tecnici stanno già lavorando alla seconda versione del sistema che integrerà la possibilità di inserire l’elenco completo dei propri prodotti ed integrarsi ai principali corrieri in modo da diventare un CRM a tutti gli effetti”.
I ristoranti e i bar – conclude Zattini – sono le prime attività che contatteremo come Fipe, ma lo stesso strumento può essere utilizzato da qualsiasi attività commerciale che voglia fare consegne a domicilio”.