Musei San domenico

Per continuare a esistere, credo che la cultura necessiti di strategie apposite per dare una risposta a tutti quei lavoratori del settore che, anche a Forlì, hanno visto il loro reddito azzerato dalle misure restrittive necessarie al contenimento del Covid-19; lavoratori che complessivamente contribuiscono alla ricchezza del Paese per 265 miliardi di euro. Di fronte alle richieste di aiuto provenienti da un intero settore, invito l’Assessorato alla Cultura del Comune di Forlì a aderire al nuovo appello, come già ha fatto per l’appello del 12 marzo scorso, e chiedo quale sia la sua posizione rispetto a queste e ad altre misure specificamente mirate alla ripresa del settore culturale” è la proposta del consigliere del Partito Democratico Matteo Zattoni.

In particolare suggerisco di destinare a tale scopo i proventi della tassa di soggiorno che verranno incamerati nei prossimi tre anni, pur considerando che la loro entità – almeno nel 2020 – sarà presumibilmente inferiore a quella stimata nel bilancio di previsione (250 mila euro). Data l’importanza di una visione strategica d’insieme, infine, avanzo una proposta: seguire anche a Forlì il metodo della vicina Bologna che ha istituito un gruppo di lavoro composto da otto esperti in vari temi, tra cui la cultura, impegnati (a titolo gratuito) a riprogettare la città oltre questa lunga emergenza” conclude Zattoni.