M5S: «Per far ripartire l’economia immettiamo una moneta complementare comunale»

0

Il M5S Forlivese tramite i propri portavoce consiliari, Simone Benini e Daniele Vergini, ha presentato una mozione in merito all’introduzione di una moneta complementare comunale.
“In pochi sanno che Anci negli scorsi anni aveva proposto di sperimentare la moneta complementare proprio nel Comune di Forlì, iniziativa purtroppo mai pubblicizzata dalla precedente amministrazione o dai media locali, non ne erano mai stati informati nemmeno i consiglieri comunali! Tramite ART-ER, la società consortile per la crescita sostenibile attraverso lo sviluppo dell’innovazione, la Regione aveva individuando il circuito Liberex come quello da utilizzare, una replica emiliano-romagnola dell’esperienza sarda del circuito Sardex, uno dei più efficaci e studiati non solo a livello italiano ma anche internazionale”, spiegano i pentastellati.

Coerentemente con il nostro programma delle scorse elezioni comunali, dove il gruppo di lavoro del nostro Meetup aveva individuato anche le monete complementari come mezzo per risollevare l’economia locale, ci sentiamo in dovere di riproporlo ora, perchè in questo periodo diventa ancora più impellente l’adozione di questa misura, vista la sfida economica epocale a cui la pandemia da Covid 19 ci ha messo di fronte”.

Non è necessario aderire per forza a Liberex, ma chiediamo di avviare un percorso condiviso di discussione nelle commissioni consiliari, alla presenza anche di eventuali esperti, delle associazioni di categoria e di tutti i portatori di interesse, per capire come attuare questa sperimentazione. In questo momento di forte crisi di domanda effettiva, che ricordiamo è legata sì ai bisogni reali ma anche alla concreta disponibilità a spendere il denaro che si ha, è evidente che ci sia necessità impellente di uno stimolo all’economia, soprattutto locale, e le monete complementari aiutano ad aumentare la disponibilità di spesa, e quindi della domanda, all’interno del territorio”.

La moneta complementare non è nulla di strano ma un patto tra famiglie ed imprese per trattenere e far circolare la ricchezza nei propri territori, un atto di solidarietà concreta per ridurre i prezzi senza diminuire i redditi. Si tratta in pratica di un sistema di “buoni sconto” che affianca la moneta legale, e si esplicita nello sconto che viene fatto su un bene o su un servizio, spendibile solo all’interno di un circuito strettamente locale”.

Abbiamo sempre creduto in questa iniziativa, forti del fatto che molti sindaci innovatori l’hanno già adottata o sono in procinto di farlo. Quindi è giunto il momento di farla partire anche nella nostra città, questa nuova amministrazione deve farlo se vuole dimostrare di essere veramente innovativa e in discontinuità con la precedente”, concludono Benini e Vergini.