Consiglio Comunale

Durante il Consiglio comunale di lunedì abbiamo posto all’attenzione dell’assise la preoccupante situazione legata all’emergenza sociale generata dall’epidemia da COVID-19. Pur in assenza di stime precise, le dichiarazioni dei rappresentanti istituzionali e delle organizzazioni sindacali e di categoria offrono anche per il nostro territorio una nitida fotografia dei pesanti riflessi dell’emergenza in atto sulla condizione delle persone specialmente, ma non solo, dei nuclei familiari a basso reddito o gravati di precedenti condizioni di fragilità” si legge in una nota del gruppo consiliare di Forlì e Co.

Lo stanziamento di fondi da parte del Governo – continua – per sovvenire cittadini in difficoltà nel fare la spesa e soddisfare i propri bisogni essenziali, che ha significato l’arrivo a Forlì di una cifra pari a 622.000 euro, sta assicurando una risposta immediata ad alcune delle necessità più impellenti di quasi duemila nuclei familiari della nostra città. Tuttavia è fondamentale prepararsi fin da ora in vista di una situazione che è destinata a protrarsi per mesi e che vedrà probabilmente l’emergere di nuove e diversificate richieste di sostegno a mano a mano che emergeranno nella loro interezza i contraccolpi economici e sociali provocati dalla pandemia“.

Abbiamo dunque richiesto all’Amministrazione che fin da ora si valuti l’utilizzo di fondi comunali aggiuntivi e straordinari e si cominci a costruire un grande piano di contrasto all’emergenza sociale e per la coesione del nostro territorio da dispiegare nell’arco dei prossimi mesi. Il principio ispiratore di questo sforzo, a nostro avviso, deve essere semplice: è un dovere della nostra comunità mettere in campo tutti gli strumenti possibili affinché la crisi non ricada sulle fasce più fragili della popolazione e chi è più debole non venga abbandonato o lasciato indietro” conclude il gruppo consiliare di Forlì e Co.