Decreto ‘Cura Italia’, 600 € a Partite Iva. De Girolamo: «A Forlì quasi 15mila domande»

0

Sono oltre 4 milioni le richieste pervenute su scala nazionale all’Inps per il pagamento delle indennità da 600 euro per i lavoratori autonomi, iscritti alla gestione separata, stagionali del turismo, lavoratori dello spettacolo e agricoli, una misura prevista dal governo per il mese di marzo e inserita nel Decreto Cura Italia in corso di conversione in Parlamento. Di queste, 37.819 sono le domande presentate in provincia di Forlì-Cesena di cui quasi 15 mila (14.912) nella città di Forlì. L’Inps sta completando l’accredito dei pagamenti e a livello nazionale sono oltre 3 milioni le domande liquidate entro la metà di aprile, ma il dato è in costante aggiornamento. Come Movimento 5 Stelle al governo, attraverso il decreto Cura Italia, abbiamo dato una risposta a 19 milioni di lavoratori.
È un primo importante sostegno diretto per migliaia di lavoratori autonomi, commercianti, professionisti in sofferenza in seguito all’emergenza Coronavirus”. Spiega il parlamentare del Movimento 5 Stelle Carlo Ugo De Girolamo.

Ora si tratta di proseguire mettendo in campo strumenti nuovi come il Reddito di emergenza con 3 miliardi di euro per circa 3 milioni di cittadini. Il reddito di cittadinanza ha già posto un argine importante alla crisi, grazie alla misura 2,4 milioni di italiani oggi possono contare su una entrata certa – prosegue de Girolamo -. Nei prossimi giorni il Governo varerá un altro decreto contenente le misure per il mese di aprile, quali l’aumento di questa indennità in favore delle partite IVA e altre misure molto importanti per le piccole imprese del territorio. Dopo l’ok arrivato dall’Unione europea per il piano prestiti alle imprese garantiti dallo Stato, si partirà con il piano di ristoro per tutti coloro che hanno avuto perdite di fatturato a causa di questa emergenza. Siamo vicini ai lavoratori e alle aziende e continuiamo a lavorare senza sosta per tagliare la burocrazia e accelerare le procedure”, conclude il parlamentare.