Centrosinistra forlivese

«Prendiamo atto delle misure che l’amministrazione comunale ha individuato per dare risposta alle famiglie con bambini piccoli che frequentano nidi e materne; nei giorni scorsi abbiamo proposto per primi la sospensione delle rette del mese di marzo per dare un segnale e un aiuto immediato alle famiglie che in queste settimane si stanno sobbarcando il peso maggiore di questa emergenza; nonostante l’Assessora Casara ci avesse schernito accusandoci di non conoscere i regolamenti del servizio scuola, si é attivata nella direzione da noi indicata e questo non può che renderci soddisfatti.

Ora, crediamo che in una situazione straordinaria come quella in cui tutti noi ci troviamo, la linea d’indirizzo debba essere d’omogeneità all’interno del territorio comunale e di tutela degli anelli più deboli della catena, partendo dai 7,5 miliardi stanziati dal Governo con un obiettivo chiaro: nessuno deve perdere il posto di lavoro a causa del Coronavirus.
Restando ad esempio nell’ambito dei servizi scolastici e sociali, invitiamo il Comune ad attivarsi, avendo le competenze e la disponibilità economica per farlo, per quei lavoratori, non dipendenti pubblici, che subiscono negativamente la sospensione delle attività didattiche, attivando anche formule a domicilio».

Gruppo consiliare del Partito Democratico di Forlì