Centro-Nazionale-Studi-Fanzine-Mostra-Fumetto-2017-

Una giornata nazionale, già approvata dal Consiglio dei Ministri, dedicata al viaggio nell’aldilà che il Sommo Poeta intraprese nella Divina Commedia. Quindi, con una originale ed unica proposta da parte dalla Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, col titolo “Dante di Fumetto”, prende avvio l’evento, curato dallo Staff Fumettoteca, organizzato nell’ambito delle manifestazioni per celebrare il “Dantedì”. Con contenuti conosciuti ed inediti, tavole di fumetti realizzati da tantissimi autori, famosi e meno, per narrare il Dante Alighieri, attraverso un’ottica alternativa. Raccontare attraverso l’arte del fumetto momenti, luoghi, personaggi incredibili che, grazie all’estro artistico, permettono ai lettori di gustare la bellezza, la profondità di significato degli oltre 1500 documenti, in formato cartaceo e digitale. Questa prima edizione avviene in un momento particolarmente difficile per l’intera nazione e il suo popolo, le iniziative dantesche già previste dalla Fumettoteca, comunque, proseguono spostandosi sulla rete, proposte online che presentano un Dante “diverso”, un poeta più vicino al popolo, grazie al fumetto, alla grafica accattivante, alle parodie e alla satira che col sommo poeta ci vanno a pennello. Riscoprire un altro Dante, con DantediFumetto, è una bellissima occasione per ribadire che i valori unitari si posso condividere, anche online,con la passione per uno dei testi più importanti della nostra letteratura visto attraverso il medium fumettistico. Dal 25 marzo fino al 31 aprile, viene proposto l’evento dedicato al genio dell’Alighieri, con varie iniziative online sul sito ufficiale della Fumettoteca.

Iniziative da condividere, tutte originali ed esclusive, per raccontare quanto la figura del Sommo Poeta nel corso degli anni abbia segnato profondamente, oltre alle altre espressioni culturali e artistiche, il mondo del fumetto e, ovviamente, stimolato tante generazioni di giovani ad avvicinarsi con più empatia al non semplice testo dantesco. “Dante è l’unità del Paese, Dante è la lingua italiana, Dante è l’idea stessa di Italia” ha commentato il Ministro Dario Franceschini. Il Dantedì per Dante Alighieri ha raccolto l’adesione di intellettuali e studiosi e di prestigiose istituzioni culturali dall’Accademia della Crusca, alla Società Dantesca, alla Società Dante Alighieri, all’Associazione degli Italianisti alla Società italiana per lo studio del pensiero medievale e, ovviamente, la Fumettoteca Regionale dimostra di non essere da meno. Quindi, in tutta Italia c’è chi lo leggerà, lo proietterà, lo rimembrerà e, perché no, anche chi lo proporrà attraverso il medium fumettistico. Ricordarlo, oltre alle blasonate e altosonanti iniziative, è un modo per unire ancora di più il Paese in questo momento difficile, condividendo fumetti e parodie dal fascino senza tempo in grado di trovare agganci e maggior legami con lo stesso popolo. Lasciamo, quindi, la lettura dei versi, i commenti per i convenuti, e quant’altro di altamente didattico ad altre persone, la Fumettoteca, proprio dalla Romagna, una delle terre dove il poeta ha trascorso la maggior parte della vita, arrivando a Forlì presso la corte di Scarpetta degli Ordelaffi tra la fine del 1302 e l’inizio del 1303, è indubbiamente il luogo emblematico del percorso fumettistico di Dante.

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo – Dario Franceschini ha approvato la direttiva che istituisce per il 25 marzo la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri.
Lo scrigno prezioso della Nona Arte che, grazie alla Fumettoteca Regionale, offre al grande pubblico un’occasione per riflettere su cosa significhi la presenza di un luogo specifico di cultura e socializzazione, senza simili e unico nella Regione Emilia-Romagna, in grado di rendere possibile l’incontro fra generazioni. Ricordiamo che questa è una delle tante iniziative culturali dedicate al mondo della Letteratura Disegnata che la Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, unica realtà regionale, è in grado di attivare sul territorio forlivese. Tutte iniziative, culturali e sociali, legate al solo lavoro di volontariato, impegni che i soci dell’associazione, anche grazie al supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, il Comitato di Quartiere Ca’Ossi e 4live, da 10 anni realizzano in veste di volontari permettendo alla “Biblioteca dei fumetti” di essere gratuitamente disponibile per tutti gli interessati. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni 339 3085390, fumettoteca@fanzineitaliane.it – www.fanzineitaliane.it/fumettoteca.

CONDIVIDI
Articolo precedenteForlì, 24 marzo 1944: i fatti di via della Ripa
Articolo successivoL'iniziativa Anpi: "Siamo tutti resistenti al virus"
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.