Fumettoteca-Alessandro-Callegati-Calle

Ieri la Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, unica nella Regione Emilia-Romagna, ha festeggiato con notevole successo la ricorrenza del primo anniversario. Quando un anno fa fu intitolata e inaugurata si era consapevoli che fosse una mancanza forlivese, oltreché anche in tutta la Regione, ma come sarebbe stata accolta dalla cittadinanza e che riscontro avrebbe avuto a Forlì, non ci era dato di sapere. Oggi, a 12 mesi di attività frenetica, proposte sociali e culturali, aggiunti all’interesse e il successo della ricorrenza, abbiamo il concreto e positivo riscontro della grande validità di questa esclusiva realtà. Un pomeriggio, quello di domenica, in grado di mostrare come il pubblico sia più che mai interessato alla Fumettoteca, la presenza di famiglie intere, babbo, mamma e figli, oltre al ritorno delle persone presenti un anno fa all’inaugurazione, e poi anche vecchi e nuovi frequentatori, fruitori alla ricerca di ciò che non riuscirebbero a trovare in nessuna altra biblioteca, ancor di più dato che la fumettoteca è aperta anche quando le altre biblioteche sono chiuse.

Un anniversario con la A maiuscola, ricorrenza con grande partecipazione, oltre alle più rosee aspettative, momenti di calma con poche persone alternati a momenti di ressa, la piccola sede è stata visitata e l’esperto fumettotecario, GianLuca Umiliacchi, subissato dalle moltissime domande legate al mondo del fumetto, tanti dubbi inerenti alla produzione e agli autori della Nona Arte. Ad esempio, quasi nessun forlivese è a conoscenza dei grandissimi autori fumettisti di fama internazionale che vivono e lavorano in città. E scusate se è poco! La conferma del valore sociale e culturale che la Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” riveste, a Forlì e oltre Provincia e Regione, era già comprensibile dalle notevoli richieste di visita, sommabili alle moltissime consultazione e prestiti, tutti in costante aumento esponenziale. La sede fumettotecaria, innovativa e atipica, presenta gli attuali numeri dell’impegno che grazie all’attività di volontariato si è messo in campo per Forlì: 17.779 donazioni delle 6.513 presenti nel 2019, con una lista nominativa di oltre 60 donatori; 1.660 iniziative generali dai precedenti 1468, col riscontro di 46.476 partecipazioni, dalle precedenti 44.219 presenze! L’offerta al pubblico, e alla comunità intera, è quella di un servizio mancante, ora integrato mettendo a disposizione documenti e attrezzature anche per una piacevole occasione di condivisione culturale e ludica.