Massimo-Marchi-Italia-Viva

Continua a tenere banco nella discussione politica la decisione assunta da Luca Canessa di lasciare il suo ruolo di Direttore Generale del Comune di Forlì a seguito della nomina a Segretario generale a Grosseto. Arrivano a stretto giro anche le dichiarazioni del gruppo di Italia Viva Forlì. “A distanza di poco tempo dal suo insediamento, la nuova amministrazione accusa già addii importanti, con la perdita di una delle figure centrali dello squadra del sindaco Zattini”, afferma il consigliere comunale Massimo Marchi.

Se il Direttore Generale, nominato al contempo anche Segretario Comunale per espressa volontà di Zattini, sceglie di andarsene dopo pochissimo tempo, peraltro in una città più piccola – aggiunge Marchi – significa che i problemi di rapporto col sindaco sono evidenti. Se dovessero essere confermate anche le dispute che Canessa avrebbe avuto con alcuni membri della Giunta, sarebbe eclatante il segnale di come l’Amministrazione navighi già in acque agitate, e non è una buona notizia per la città”.

È grave, poi – aggiunge l’esponente di Italia Viva – che il sindaco non abbia dato notizia di questo fatto importante per la vita della città durante l’ultima seduta del Consiglio Comunale, quando già le decisioni erano maturate. Una mancanza di rispetto nei confronti dell’assemblea rappresentativa di tutti i forlivesi e una manovra per evitare un dibattito che avrebbe sicuramente generato imbarazzi“.

Il nostro unico interesse adesso è che questo cambio ai vertici del Comune non vada a ripercuotersi sui progetti in corso, a cominciare dall’arrivo in città della facoltà di Medicina: anzi, ci preoccupa fortemente che una figura cardine della macchina comunale abbia deciso in così poco tempo di andarsene, perché da cittadini abbiamo a cuore che tutta la macchina comunale, che dispone di competenze invidiabili, vada a pieno regime. L’addio del segretario e direttore generale, purtroppo, dimostra che non è così“.