Fumettoteca-Alessandro-Callegati-Calle-Inaugurazione

Organizzato dall’Avis Comunale di Forlì e dalla Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, con i patrocini del Comune di Forlì assessorato università, cultura, innovazione tecnologica, progetti europei e internazionali, e della Azienda Unità Sanitaria della Romagna, è promosso il corso gratuito di fumettoPerCorso di Fumetto”, della durata di 20 ore che si svolgerà alla Fabbrica della Candele, in p.tta Corbizzi 9/30 a Forlì, tutti i lunedì e giovedì nell’orario 16,00-18,00 dal 2 marzo al 2 aprile.

Tutti gli iscritti possono anche partecipare al concorso di fumetto a premi. Sei grandi autori professionisti faranno da docenti nelle lezioni, aiutando tutti i corsisti nel migliorarsi e adeguarsi per la partecipazione del concorso di fumetto a premi. Quindi nomi di artisti noti nel modo fumettistico come Davide Fabbri, Onofrio Catacchio, Davide Reviati, Marco Verni, Guglielmo Signora, Maurizio Geminiani, tutti esperti e validi fumettisti, forlivesi e no. Scadenza per le iscrizioni entro il 29 febbraio, per informazioni contattare la Fumettoteca 339 3085390 – fumettoteca@fanzineitaliane.it.

Pronto anche il concorso gratuito di fumetto a premi dal titolo “Donare è anche Ricevere – Il sangue essenza di vita”, rivolto agli studenti delle quarte e quinte degli istituti superiori di Forlì, oltre a tutti gli iscritti del corso di fumetto, volto a migliorare e soprattutto a stimolare una più profonda comprensione dell’universo della donazione e solidarietà. L’Avis Forlì e la Fumettoteca Regionale invitano tutti gli interessati a partecipare, la conoscenza e promozione della donazione di sangue attraverso l’affascinante grafica della nona arte, il fumetto, è l’obiettivo del concorso, una proposta che vuole mettere a frutto la creatività e la fantasia dei giovani, per dar loro una occasione di tradurre in fumetti la propria percezione del concetto di donare sangue. Due tavole, una storiella breve, è la richiesta dal bando, con l’invio dei fumetti si partecipa ad una mostra, un riconoscimento e, i primi giudicati vincita in denaro.

Col titolo “Donare è anche Ricevere” e sottotitolo, “Il sangue essenza di vita”, prende avvio questo innovativo progetto, per l’Avis forlivese, al quale tutti i giovani interessati possono aderire, senza alcun costo, e piazzandosi fra i primi poter vincere anche dei montepremi. Il Bando di Partecipazione per il concorso, con scadenza il 30 aprile, è scaricabile del sito dell’Avis Forlì http://www.avisforli.it/archivio-eventi/2020/concorso-di-fumetto–“donare-è-anche-ricevere”. Avete mai guardato il sangue? Diciamo guardato non semplicemente ‘visto’ o osservato nei vari film o fumetti. Avete mai provato a pensare a che cosa significa il sangue per il nostro corpo? Avete mai pensato al sangue come donazione da voi ricevuta nel momento della vostra nascita? Ecco lo spunto, si può provare a riflettere, magari informandosi sulle tante storie della vita e a tradurle nel linguaggio delle “nuvolette”, evitando gli stereotipi e le leggende metropolitane: affrontate il tema con la consapevolezza che “donare è anche ricevere”.

Scopo e tema del concorso è la creazione di un elaborato fumettistico allineato alla conoscenza/promozione della donazione di sangue, con la certezza che il lavoro basato sull’immagine abbia in sé la capacità di emozionare e veicolare innovative riflessioni su questo gesto di grande valenza sociale. Il fumetto è un grande mezzo di comunicazione, è un linguaggio aperto e fruibile per tanti ambiti e situazioni, le parole e le immagini fumettistiche sono in grado di trasformare una storia della nona arte capace di trasmettere valori e concetti sociali. Leggere le storie a fumetti permettono anche di provare intense emozioni e sensazioni capaci di emozionare ed attivare i lettori nella partecipazione delle giustizie sociali; la letteratura disegnata è in grado di avere anche questo potere.

La donazione di sangue è un gesto che porta in sé il principio di un atteggiamento spontaneo che risponde a una identità di interessi e sentimenti, pertanto è anche un gesto in grado di attivare un processo emozionale, ancor prima che fisico, che avvicina le persone ad un senso più autentico di partecipazione e condivisione della Comunità d’appartenenza. Donare una parte di sé stessi per aiutare il prossimo è la forma più alta di empatia che si possa raggiungere, azione in grado di offrire una maggiore consapevolezza di noi stessi e del valore che possono avere le nostre azioni. Tutto questo è racchiudibile nella semplice quanto efficace affermazione che “donare è anche ricevere”. I partecipanti sono quindi chiamati ad esprimere attraverso il loro elaborato fumettistico l’essenza più ampia di questo concetto e nella creazione artistica ogni argomento è lecito.

CONDIVIDI
Articolo precedenteA Forlì eletta “Miss Mamma Italiana”
Articolo successivoOrti urbani. Assegnazioni anno 2020 per over 60 ma anche per famiglie e gruppi di amici
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.