coronavirus

Da giorni, le notizie sull’evolvere della diffusione del Coronavirus si susseguono nei mezzi di informazione e sui social. “Vista la situazione – spiega il sindaco di Santa Sofia Daniele Valbonesiritengo che sia indispensabile garantire ai cittadini una comunicazione chiara, evitando inutili allarmismi”.

Al momento, la situazione è questa – continua – il consiglio dei Ministri ha deliberato lo stato di emergenza per la durata di 6 mesi, a partire dal 31 gennaio, ed ha stanziato 5 milioni di euro per l’attuazione delle misure precauzionali. La Regione Emilia-Romagna ha già attivato tutte le misure stabilite dal Ministero della Salute, in stretto raccordo con le Aziende sanitarie, ed ha attivato un coordinamento tra gli Assessorati alla Sanità, alla Protezione Civile e ai Trasporti. È attivo un Gruppo di coordinamento con le aziende sanitarie stesse, per il monitoraggio della situazione, la condivisione delle informazioni con il dicastero e gli interventi necessari. Le misure assunte sono di carattere precauzionale e comprendono il collegamento con il numero verde nazionale 1500 – funzionante 24 ore su 24 – e l’attivazione, come laboratorio di riferimento, del Centro di riferimento regionale per le emergenze microbiologiche e virologiche (Crrem) del Policlinico Sant’Orsola di Bologna. Nel in caso di sospetto di infezione da Coronavirus, vengono attuate tutte le procedure previste dal Ministero della Salute”.

Ricordiamo che al momento non sono stati rilevati casi di Coronavirus in Emilia Romagna – sottolinea Valbonesi – invitiamo pertanto tutti i cittadini a non farsi prendere da allarmi ingiustificati e ricordiamo che per ogni informazione è disponibile il sito del Ministero della Salute http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus”.