Polizia stradale

Non mi stancherò mai di dirlo, la sicurezza stradale non ha colore politico. Bene quindi la mobilitazione trasversale che ha visto scendere in piazza parlamentari, sindaci, consiglieri di ogni schieramento politico e poi associazioni di categoria, sindacati e cittadini tutti. Questa mattina si è respirata una grande voglia di fare comunità e per questo ringrazio nuovamente tutti i sindaci del territorio presenti nonché i promotori del Comitato civico. Fare parte di una maggioranza parlamentare prevede onori e oneri, lo so bene. Non mi sono sottratto quindi al confronto e all’ascolto di una comunità locale che chiede alle istituzioni di non tagliare un presidio di sicurezza fondamentale come quello della Polizia stradale. In piazza a Rocca, io c’ero”. Così Carlo Ugo De Girolamo, deputato romagnolo del Movimento5Stelle che insieme al consigliere Simone Benini hanno partecipato sabato a Rocca San Casciano alla manifestazione indetta dal ‘Comitato civico SS67’ per sostenere la permanenza in questa località del distaccamento di Polizia stradale.

De Girolamo ha quindi ricordato il suo impegno sul fronte parlamentare: “Sulla questione dell’annunciata chiusura del presidio di polizia stradale, ho depositato un’interrogazione parlamentare al Ministro dell’Interno che chiede – proprio a seguito degli impegni positivi assunti dal Governo durante la conversione del Milleproroghe – di ‘assumere iniziative per mantenere i presidi di polizia stradale oggi esistenti a Rocca S. Casciano e Lugo a tutela della sicurezza stradale e pubblica, non solo del comprensorio forlivese ma di tutta la Romagna”.

Giornate come quella di oggi dimostrano plasticamente che si possono mettere da parte gli interessi di partito, condividere un percorso e sposare una giusta causa. Ai miei colleghi dico, facciamolo. Come istituzioni abbiamo il dovere di dare il buon esempio. Sono certo il nostro impegno continuerà dentro e fuori l’Aula di Montecitorio. Per mettere al sicuro il presidio di Rocca però, dobbiamo parlare con una sola voce. Confido che possa essere più facile per il ministero ascoltare la voce di un territorio se questa giunge forte e chiara ma soprattutto all’unisono. Come Movimento5Stelle siamo e sono a disposizione per un’azione corale a sostegno di questa battaglia” conclude il parlamentare.