Alemani: «Il segretario generale se ne va perché non sostenuto da Zattini e per i continui scontri con gli assessori»

0

La notizia dell’addio dell’appena insediato segretario generale e direttore generale Luca Canessa ci ha presi di sprovvista. Tutti all’interno del Comune hanno potuto constatare le sue capacità professionali ed anche le qualità umane di una persona sempre disponibile. Già dai primi mesi avevamo colto degli attriti con l’amministrazione che lo aveva nominato appena quattro mesi fa, in particolare con alcuni assessori della Giunta; tuttavia, non pensavamo che il sindaco Zattini non lo sostenesse e supportasse a tal punto” il commento di Soufian Hafi Alemani del Gruppo Consiliare del Partito Democratico.

L’addio di Canessa conferma che qualcosa non abbia funzionato, a partire dalla gestione di partite importanti come quella del corso di Medicina, dove, a questo punto, il segretario generale che dovrà seguire le convenzioni tra Serinar ed Unibo non sarà lo stesso che ha redatto la delibera di lunedì scorso. Il fatto che il più stretto collaboratore del sindaco Zattini, nominato per precisa scelta politica sia segretario che direttore generale, preferisca lasciarlo, accettando il solo ruolo di segretario a Grosseto con un importante decurtazione dell’indennità che andrà a percepire, la dice lunga sulle modalità di lavoro del sindaco e di alcuni assessori. Auguriamo, in ogni caso, a Luca Canessa di avere migliori fortune nel Comune di Grosseto” conclude Soufian Hafi Alemani.