Una settimana in Giappone

0

Missione in Giappone, su invito del Museo universitario di Yamagata. Sono stato anche dal sindaco di Yamagata, città di 250.000 abitanti del centro-nord. E poi a Kyoto e a Tokyo, dai colleghi dei Musei universitari. I problemi sono gli stessi, le soluzioni assai diverse. Ho cercato di conoscere il più possibile, senza perdere un minuto.

Fa un certo effetto, per chi è stato amministratore locale, vedere strade senza macchine parcheggiate (eppure ne circolano moltissime), marciapiedi pulitissimi, muri senza una scritta, treni dove un minuto di ritardo genera scuse immediate da parte del personale, una raccolta dei rifiuti che non lascia tracce (anche perché lì spesso sono i cittadini che devono provvedere a conferire direttamente i propri: cose da noi improponibili!).

Mi ha colpito il silenzio nei mezzi pubblici: nessuno parla in pubblico al cellulare (ma tutti messaggiano, ovviamente) e il contatto fisico viene accuratamente evitato. La mascherina antismog è un filtro di separazione non solo dagli inquinanti e dai virus, ma anche dagli altri in fondo. Un’umanità fatta così non l’avevo mai vista: un’esperienza bellissima.

CONDIVIDI
Articolo precedenteMarta Collot di Potere al Popolo a Forlì
Articolo successivoConcerto a Ravaldino in Monte
Roberto Balzani, nato a Forlì il 21 agosto 1961, è uno storico, saggista e politico italiano. È professore ordinario di storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali, Università degli Studi di Bologna. È stato sindaco di Forlì, dal 2009 al 2014 è professore ordinario di Storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell'Università di Bologna (sede di Ravenna), della quale è stato preside fra il 2008 e il 2009. Ricercatore in Storia contemporanea alla Facoltà di Scienze Politiche “Cesare Alfieri” di Firenze dal 1992, è divenuto poi professore associato alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell’Università di Bologna e quindi professore ordinario. Fra i suoi interessi più recenti, la storia del regionalismo e del patrimonio culturale, cui ha dedicato diversi saggi, collaborando alle iniziative promosse alla Scuola Normale Superiore di Pisa da Salvatore Settis. Fra il 1992 e il 1996 ha fatto parte del consiglio d’amministrazione della Fondazione “Spadolini – Nuova Antologia” di Firenze. E’ stato a lungo componente del consiglio direttivo della Società di Studi Romagnoli, dell’Istituzione Biblioteca Malatestiana di Cesena e dell’Ibc Emilia-Romagna. Fra le principali pubblicazioni da menzionare la ricostruzione del regionalismo culturale romagnolo fra ‘800 e ‘900 (La Romagna, Bologna, 2001, ristampata con un nuovo capitolo nel 2012); inoltre, la sintesi Storia del mondo contemporaneo, Milano, 2003 (con Alberto De Bernardi), la ricerca di storia dei beni culturali Per le antichità e le belle arti. La legge n. 364 del 20 giugno 1909 e l’Italia giolittiana (Bologna, 2003) e la cura dei Discorsi parlamentari di Carducci (Bologna, 2004). Con Angelo Varni è curatore de La Romagna nel Risorgimento (Roma-Bari, 2012). Alla sua esperienza di amministratore è dedicato il pamphlet: "Cinque anni di solitudine. Memorie inutili di un sindaco" (Bologna, 2012). E’ autore di diversi manuali di storia per le Scuole medie e i Licei.