Santa Sofia

Tra i cantieri previsti per il 2020 a Santa Sofia c’è anche la messa in sicurezza del muro di cinta che divide il Parco della Resistenza e via Doberdò. In seguito ad una richiesta di finanziamento, infatti, la Giunta Bonaccini ha deliberato di finanziare i lavori con un importo di 130.000 euro. L’intervento prevede, appunto, la messa in sicurezza del muro in pietra e del terreno limitrofo interessato dal dissesto causato da eventi naturali.

Al momento si stanno formalizzando gli atti necessari al fine di stilare la convenzione con la Regione Emilia Romagna in quanto i lavori verranno seguiti dall’Agenzia Regionale per la sicurezza Territoriale e la Protezione Civile, che si occuperà di progettazione e direzione dei lavori, contando sulle specifiche competenze in materia.

Il muro di via Doberdò è un muro storico, che delimita il Parco della Resistenza recentemente rimesso a nuovo – dice il sindaco Daniele Valbonesi -. Ovviamente abbiamo già ricevuto l’autorizzazione da parte della Sopraintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio e, una volta eseguite le pratiche burocratiche, partiremo con la progettazione curata dall’Agenzia Regionale per la sicurezza Territoriale e la Protezione Civile, con cui molto spesso abbiamo collaborato proficuamente: penso, ad esempio, al recente intervento terminato a Corniolo e ai precedenti lavori eseguiti in Campigna. Grazie al finanziamento regionale possiamo proseguire nell’opera di riqualificazione dell’area del Parco della Resistenza, inserito nel progetto Vias Animae, e ci auguriamo di potere procedere nei tempi più brevi possibili, ovviamente meteo permettendo”.