casa artusi cortile

Il 2020, anno del bicentenario della nascita di Pellegrino Artusi (Forlimpopoli, 4 agosto 1820) si apre entrando nella casa di Piazza D’Azeglio a Firenze, dove il celebre l’autore de La scienza in cucina visse negli ultimi quarant’anni della propria vita. Ad “aprire la porta” domenica 26 gennaio a Casa Artusi, alle ore 15,30, Giovanna Frosini, accademica della Crusca, docente di Storia della lingua italiana all’Università per stranieri di Siena e autrice, assieme a Monica Alba, del libro Domestici scrittori (Apice libri, 2019). Chi sono i “domestici scrittori”?

Francesco Ruffilli, cuoco di casa, e Marietta Sabatini, governante: sono loro i domestici scrittori di Artusi, che a lui si rivolgono in numerose lettere conservate presso la Biblioteca di Forlimpopoli. Dall’attento studio di quegli scritti, Monica Alba e Giovanna Frosini ricavano un quadro vivido della vita quotidiana e delle personalità dei protagonisti, dal quale emergono reti di rapporti non scontati. A presentare il volume a Casa Artusi domenica 26 gennaio a Forlimpopoli alle ore 15.30 sarà Laila Tentoni, presidente di Casa Artusi, in dialogo con l’autrice, ne “Le domeniche delle Mariette”.

Giovanna Frosini, docente di Storia della lingua italiana all’Università per stranieri di Siena è accademica della Crusca, membro di diversi comitati scientifici dedicati agli studi su Boccaccio, Dante Alighieri, la lingua italiana. È componente del Comitato scientifico di Casa Artusi. La cornice delle Domeniche delle Mariette è la più adatta per conoscere meglio la figura della domestica alla quale l’Associazione deve il proprio nome; dopo l’incontro, com’è d’abitudine, una piccola degustazione in tema: una fetta del Panettone Marietta, ricetta n. 604 de La scienza in cucina, con la quale Artusi volle omaggiare e, in qualche modo, rendere immortale la sua “brava cuoca […] tanto buona e onesta”. Ingresso libero.