IAT Forlì

L’inaugurazione di un nuovo spazio IAT-Hub Turismo e Coworking nel centro storico di Forlì è prevista per il prossimo autunno, negli ambienti attualmente dismessi in Galleria del Municipio, di fronte allo scalone comunale.
Il nuovo spazio IAT intende qualificarsi come primo tassello di un nuovo modello di accoglienza, che parte proprio dal ripensamento dell’idea stessa di Ufficio di Informazione e Accoglienza Turistica. Secondo questi presupposti il nuovo IAT non dovrà solo rispondere a rinnovati schemi estetici ma anche ad un concetto di accoglienza del tutto avanzato, in grado cioè di soddisfare le nuove evolute esigenze del turista e del cittadino, sempre più alla ricerca di un’offerta variegata, originale, flessibile ed in continuo rinnovamento. Vogliamo realizzare uno spazio che eroghi servizi nuovi e di qualità ed esprima nuove idee orientate a riconoscere il ruolo attivo del turista, la sua centralità e le proprie esigenze” spiega l’assessore Andrea Cintorino con delega al turismo.

I nuovi ambienti saranno organizzati per rivolgersi non solo ai turisti ma anche ai cittadini, con particolare riferimento ai giovani e agli istituti scolastici al fine di far conoscere anche ai forlivesi e alla comunità del comprensorio il nostro patrimonio storico, culturale, eno-gastronomico e naturalistico – dunque le nostre eccellenze – e per rendere il territorio stesso cosciente di ciò che possiede. Dal punto di vista funzionale ed estetico, gli ambienti che andremo a realizzare saranno luminosi e interattivi, altamente tecnologici, dotati di servizio pubblico di wifi, con un front-office accogliente e una sala per incontri e tavoli di lavoro dedicati al territorio. Lo IAT è uno strumento fondamentale per la promozione del territorio – conclude Cintorino – è per questo motivo che abbiamo deciso di ‘investire’ sul suo rinnovamento e sulla riqualificazione architettonica della Galleria, che verrà appositamente restaurata e dotata di luci a led per creare una continuità degli spazi esterni con quelli interni. Forlì è turismo a 360; è cultura, accoglienza, enogastronomia, natura, sport e tempo libero”.