In previsione del Giorno della Memoria verrà organizzato un incontro, in programma per sera di giovedì 23 gennaio, alle ore 20.45, alla Sala Don Bosco della Parrocchia dei Cappuccinini in via Ridolfi a Forlì, per ricordare i militari forlivesi internati nei campi di concentramento tedeschi durante il Secondo conflitto mondiale e i civili della nostra città deportati nei lager nazisti.

Lo si farà a partire dal libro “Nello Forlivesi. Diario di prigionia”, recentemente pubblicato da Diogene Books per conto della figlia Viviana Forlivesi e del genero Giuseppe Fabbri. Il diario di Forlivesi è l’ultimo documento, in ordine di tempo, che arricchisce la conoscenza di una storia poco nota, ma molto dolorosa che coinvolse decine di migliaia di persone a livello nazionale e alcune centinaia nella nostra provincia.

Lo scorso anno, più o meno in questo periodo, ebbi la possibilità di pubblicare la testimonianza inedita di Gildo Cortesi dove viene raccontato quello che successe nel campo di concentramento di Aken Elbe in occasione della liberazione dei prigionieri da parte delle truppe russe; testimonianza che mi venne consegnata dal figlio Giorgio a distanza di 10 anni dalla morte del padre.

Siccome potrebbero esistere altre testimonianze scritte, o documenti inediti, riferite a quel tragico periodo e che ebbero come protagonisti cittadini forlivesi, chiedo la collaborazione di tutti affinché mi vengano segnalate o via mail: gabriele.zelli@gmail.com, oppure telefonandomi al seguente numero di cellulare 3493737026.

Gabriele Zelli

CONDIVIDI
Articolo precedenteMerendi: «Sbagliati tempi e modi per la candidatura di Forlì a capitale italiana della cultura»
Articolo successivoMainetti: «Zero tasse per chi non può pagare e meno tasse per chi lavora»
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.