Il Giorno della Memoria a Santa Sofia

0

Domenica 26 gennaio, in occasione del Giorno della Memoria che si celebra in tutto il mondo il 27 gennaio, Comune di Santa Sofia e Anpi Santa Sofia invitano tutti i cittadini alla proiezione del docufilm “The hate destroyer” di Vincenzo Caruso che si terrà alle 17,00 al Centro Culturale “S. Pertini” di Santa Sofia. Il docufilm parla di Irmela Mensah-Schramm. Ma chi è questa donna? I neonazisti tedeschi hanno tappezzato Berlino con adesivi che la raffigurano inneggiando alla sua morte. Le sue mostre fotografiche sono ospitate in tutta Europa.

Irmela Mensah-Schramm è una signora berlinese di sessantasette anni che una mattina del 1985, andando al lavoro, ha visto su un muro un adesivo razzista e la sera ha preso le chiavi di casa e lo ha staccato. Da allora continua a cancellare ogni giorno dai muri scritte omofobe e razziste, dopo averle fotografate. È sola, rischia grosso: ma Irmela ha già sconfitto il cancro e un passato difficile, e rifiuta di piegarsi.
Questa è la sua storia ed è anche la nostra: quella di un’Europa che si sveglia ogni giorno più violenta, ma in cui la caparbietà semplice e rivoluzionaria di chi si alza in piedi e dichiara il suo “no” può ancora fare la differenza.

Nel Giorno della Memoria è doveroso ricordare le vittime dell’olocausto e della Shoa – commenta l’assessora alla cultura del comune di Santa Sofia Isabel Guidi -. Ma ritengo che, oltre al ricordo, sia indispensabile un momento di riflessione sulla situazione sociale e politica in cui viviamo. Sono all’ordine del giorno gli episodi di neonazismo in Europa: troppo spesso si finge di non vederli, sottovalutando la portata del problema. Credo, invece, che sia necessario riflettere su questi avvenimenti e dare il giusto spazio alle persone che si battono in prima linea contro i rigurgiti neonazisti e neofascisti, ed Irmela Mensah-Schramm è una di queste persone”.

La memoria dell’Olocausto, dei suoi martiri e dei suoi eroi è di estrema importanza – conclude la presidente dell’Anpi di Santa Sofia Liviana Rossi -. Serve a ricordare ai popoli illuminati e democratici fin dove può portare il razzismo e ci ricorda la necessità di combattere sempre e in ogni contesto contro tutti gli aspetti di questo odio”.
“The hate destroyer” verrà proiettato domenica 26 gennaio alle ore 17,00 ad ingresso libero. Il docufilm è una produzione Fotogramma 25, EiE in collaborazione con Turbolence Films ed ha una durata di 52 minuti. Alla proiezione sarà presente il regista Vincenzo Caruso.