Basket-Mantova-Forlì

Se si guarda la classifica attuale la partita di domenica 26 gennaio metterà di fronte sulle tavole del PalaGalassi seconda e terra della graduatoria.
In caso di vittoria i ragazzi di coach Alessandro Finelli potrebbero superare i padroni di casa in classifica e attestarsi al secondo posto; le due squadre, infatti, sono sì separate da quattro punti ma Lawson e compagni devono recuperare una gara, quella che giocheranno mercoledì sera in casa contro Roseto e vincendola accorcerebbero a due lunghezze il disavanzo con Unieuro Forlì per poi tentarne il sorpasso nello scontro diretto di domenica in Romagna. 

Lontano dalla GranaPadanoArena la squadra del presidente Adriano Negri è un osso durissimo che poggia le proprie fortune sulle spalle della coppia di americani composta da Rotnei Clarke e Kenny Lawson Jr.: rispettivamente playmaker e centro nello starting five Lombardo. I due USA combinano per 36,5 punti in quasi 64 minuti sui 200 disponibili; Clarke aggiunge anche 3,8 assist mentre Kenny raccoglie 8,8 carambole a partita.
Il regista all’andata giocò una gara in chiaroscuro risultando però determinante nel respingere l’ultimo tentativo di riaggancio dei romagnoli con un paio di conclusioni estemporanee, l’ex idolo del Palafiera invece giocò una partita concreta per tutti i 40 minuti risultando indigesto alla difesa di Dell’Agnello mettendo in mostra tutto il proprio bagaglio tecnico.

In posizione di guardia giocherà con tutta probabilità Tommaso Raspino che all’andata insieme a Riccardo Visconti spalleggiò Lawson in attacco soprattutto nella parte iniziale del match. L’ex Biella sta viaggiando lontano dalle mura amiche a 6,7 punti in quasi 25 minuti di utilizzo medio, per lui anche quasi 6 rimbalzi a gara: Insomma è centrale nel progetto del proprio allenatore.

Capitan Mario Jose Ghersetti, il già nominato Visconti e Matteo Ferrara nuoteranno tra le posizioni di 3 e 4 del quintetto: l’esperienza dell’Italo argentino unita alla freschezza e al talento dei due giovani compagni aumenta la qualità del roster mantovano. L’ex Vigevano sta in campo 27 minuti mettendo tanta garra sui 28 metri unitamente ai più che discreti 11 punti.
Il bambino prodigio (Visconti) che l’anno scorso ha sorpreso tutti a Forlì, invece sta ancora crescendo e dopo essere risultato determinante nella partita dell’andata, è andato 15 volte in lunetta ed è stato protagonista di giocate importanti, vorrà essere nuovamente decisivo per i suoi.
Nei 19 minuti che il giovane Ferrara si è ritagliato nella rotazione del suo coach porta quasi 5 punti di media e non fa mai abbassare l’ intensità sul campo; anche per lui possiamo parlare di una crescita costante.

Lorenzo Maspero e Alvise Sarto completano le rotazioni degli esterni: il primo dando il cambio a Raspino e Clarke mentre Sarto durante la partita darà respiro ai compagni che compongono il reparto delle ali. Il giovane Poggi verrà sicuramente utilizzato dal proprio allenatore per fare rifiatare i lunghi esperti ma “anziani” del proprio quintetto anche in considerazione del fatto che, come detto, prima di giungere in Romagna gli Stings affronteranno Roseto anche Alessandro Vigori potrebbe trovare maggior spazio in quest’ottica.
Domenica, con inizio alle 19,00, Forlì vincendo respingerebbe, quasi in maniera definitiva, l’assalto di una delle pretendenti al secondo posto; in caso contrario darebbe un calcio al secchio del latte appena munto vanificando o quasi quanto di buono fatto sino ad ora.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSapEur, XVIII edizione
Articolo successivoBurnacci: «Malaburocrazia e scarsi fondi per risarcimenti danni danneggiano la nostra agricoltura»
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!