Basket-Forlì-SanSevero

Non vi sarà campo più complicato che quello della Cestistica San Severo dove poter ritrovare la vittoria perduta. I ragazzi di coach Damiano Cagnazzo hanno perso 4 delle ultime 5 gare disputate e arrivano dal ko esterno subito con Imola. I gialloneri si trovano a sole 4 lunghezze dall’ultimo posto in graduatoria e vorranno sicuramente i 2 punti per riprendere la loro corsa verso la salvezza diretta.

La principale bocca da fuoco nella squadra pugliese è sicuramente rappresentata da Delano Jerome Demps III, ala piccola con un passato in Serie A, che nelle sette partite interne disputate dalla sua squadra viaggia a più di 21 punti di media in 32,4 minuti conditi anche da un discreto numero di rimbalzi (3) ed assist ai compagni (3,6).
Andrea Saccaggi e Marco Spanghero, che compongono il pacchetto di esterni del quintetto base insieme con l’americano, viaggiano nelle partite interne abbondantemente sopra la doppia cifra di punti realizzati, stanno in campo per un minutaggio elevatissimo (62,7′), sono in grado di giocare entrambi sia play che guardia senza abbassare la qualità del gioco dei compagni e diminuire il proprio apporto offensivo personale (21,9). Nelle ultime due gare l’assenza di Markus Kennedy ha lanciato in quintetto Chris Mortellaro al fianco di Giacomo Maspero.

L’assenza del colored ha sicuramente aumentato le responsabilità dell’italoamericano e dell’ex Jesino che non devono fare rimpiangere il compagno. In questa stagione Marcus viaggiava a più di 10 punti di media conditi anche da 7,2 rimbalzi per allacciata di scarpe; Mortellaro e Maspero in combinato portano alla causa quasi 15 punti e 10 rimbalzi ogni volta che entrano sul terreno di gioco.A completare le rotazioni dei lunghi Nazzareno Italiano, new entry dal mercato che fino ad ora ha giocato solo una gara sul campo di casa realizzando 6 punti in 14 minuti.

Dalla panchina escono l’ala Emilio Di Donato, il play Michele Iannelli e Alberto Conti che nonostante la giovane età non fanno mancare il proprio contributo alla squadra in minuti giocati e in punti realizzati.
La partita di domenica in Puglia al Palasport: “Falcone e Borsellino” non sarà una passeggiata di salute e se l’Unieuro vorrà trovare la vittoria nella calzetta della befana dovrà giocare una gara coriacea, da squadra esperta e talentuosa quale è.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSan Mercuriale era armeno. Arrivati proprio sul finire dell'anno i risultati delle reliquie
Articolo successivoPiazza Saffi gremitissima per il Capodanno
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!