Massimiliano Pompignoli Andrea Cintorino lega

Il sindaco di Santa Sofia Daniele Valbonesi interviene sull’ospedale Nefetti per dare un assist a Bonaccini sostenendo che all’ospedale Nefetti va tutto benissimo e che si continua ad investire. E sottolinea che fra gli investimenti è stata fatta la nuova Camera mortuaria. Non per fare dello spirito perché su questi temi non si scherza e non si può scherzare. Va bene rifare l’obitorio, ma ancor prima occorre curare i malati e occorre curarli in loco e non trasferirli ogni giorno su e giù per la Vallata del Bidente fino a Forlì e compiere 86 km tra andata e ritorno perché a Santa Sofia non ci sono le attrezzature o non ci sono medici“. La candidata della Lega Andrea Cintorino risponde al primo cittadino santasofiese Valbonesi che era intervenuto per difendere l’eccellenza della sanità in generale in Emilia e Romagna e l’ospedale di Santa Sofia che la Cintorino aveva dichiarato di voler rianimare.

Valbonesi poi sottolinea un fatto ridicolo – prosegue la leghista – e cioè che grazie a Bonaccini si è scongiurata la chiusura dell’ospedale Nefetti. Chiedo a Valbonesi chi lo voleva chiudere, se lo stesso Bonaccini o ancor prima Vasco Errani quando ancora era nel Pd. In ogni caso una Giunta del Pd, quella dei tagli alla Sanità in Regione. Quella che ha chiuso gli ospedali che funzionavano. Valbonesi chieda a un suo concittadino a caso se il Nefetti funzionava meglio 30 anni fa o adesso. Capisco voler tirare la volata per la campagna elettorale del candidato presidente Stefano Bonaccini, ma non si può negare l’evidenza. Se vinciamo alle elezioni Regionali del 26 gennaio ci sarà giustizia e una Sanità veramente per tutti, non solo sulla carta“.