Fumettoteca-Centro-Fanzinoteca-Settimana-Antirazzismo-2019-

Trasportato dai colori dell’avventura, approda alla Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” la mostra “Ulisse: il Fumetto“. L’esposizione consultabile allestita la sede fumettotecaria, in via Curiel 51 a Forlì, dal primo al 29 febbraio, permette di visionare uno specifico percorso allineato alle realizzazioni fumettistiche che, grazie alle caratteristiche del medium, negli anni hanno stimolato i giovani lettori ad avvicinarsi ed approfondire, per conoscere meglio, questa mitica opera.

Condottieri, simbolici, di questo percorso per la nona arte mitologica sono proprio le pagine fumettistiche realizzate durante tutti questi anni, in Italia e in tutto il mondo. Le sezioni proposte, in cui è suddivisa l’esposizione, con documenti consultabili e riproduzioni varie, evidenziano la relazione tra il fumetto e il mito attraverso la figura di Ulisse, un uomo che vive le sue emozioni, il suo volto, la sua storia, proponendo il più grande viaggio predisposto nel fumetto mai presentato. Una eccezionale proposta con grandi autori della Letteratura Disegnata, ma non solo, anche semplici emergenti, perché la vera arte non necessita di firme altosonanti, con opere di Toppi, Pratt, Manara, Pichard, Piffarerio, Ghermandi, Toninelli, Panebarco per citarne alcuni. Fumetti in omaggio, fino ad esaurimento, per il pubblico.

Nella tradizione classica, Ulisse è tra gli eroi più umani in grado di combattere, senza espedienti sovrannaturali, col solo uso dell’astuzia. Nell’Odissea il personaggio emerge in tutta la sua evidenza diventando il protagonista, e al tempo stesso antagonista, di una delle storie più entusiasmanti che la letteratura epica ci abbia tramandato, legato all’immaginario comunicativo che ne ha espresso il mito in ogni tempo. Così come la letteratura, la pittura, la scultura, il cinema, la musica, tutte le Arti hanno raffigurato il mito, la Nona Arte non è stata da meno, anzi. Il medium comunicativo del fumetto ha reinterpretato il mito di Ulisse attraverso le varie testate e gli albi del fumetto. Eroe dell’avventura per antonomasia, la sua essenza riaffiora nei protagonisti di tante altre avventure letterarie come Orlando, Sigfrido, Robin Hood, d’Artagnan, lista infinita, e come tale interpretato anche in tantissimi personaggi della Letteratura Disegnata, nelle loro travagliate epopee di eroi fumettistici. Ed ecco che, con un attento sguardo di approfondimento, eroi fumettistici come Flash Gordon, Corto Maltese, Tex e lo stesso Topolino, solo per citarne alcuni, esprimano il trasporto dell’avventuriero sempre pronto ad approdare/ripartire senza sosta, come in una continua odissea.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTangenziale 3° lotto, Marchi: «Accelerare col progetto ascoltando i cittadini»
Articolo successivoAllegni: «Morrone prima di parlare di partigiani si sciacqui molto bene la bocca»
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.