Presentazione del libro “L’altezza della libertà”, l’incontro sull’Indonesia e il film “Rwanda”

0

Martedì 12 novembre, alle ore 21,00, nella sede del Club Alpino Italiano, sezione di Forlì in viale dell’Appennino 375, verrà presentato il libro “L’altezza della libertà. Viaggio tra l’essenziale bellezza delle Alpi Apuane” di Gianluca Briccolani.
Dal primo momento che l’autore, tanti anni fa, affrontò le Alpi Apuane la prima volta, un affetto profondo e inspiegabile nacque dentro di lui per quei luoghi incontaminati e selvaggi, lontano da tutto. La maestosità del Pizzo d’Uccello, la simpatia del Forato, la regalità del Pisanino, la bellezza semplice e pulita della Pania della Croce; diventarono amiche, evasioni, compagne di viaggio, rifugi per staccare dal caos, amori profondi, così come raccontato nel libro. Partecipazione libera.



Martedì 12 novembre, alle ore 21,00, al Circolo Inzir, in via Bezzecca 10 a Forlì, appartamento con “L’Angolo dell’Avventura” che farà conoscere l’Indonesia attraverso le fotografie di A. Rinaldi e A. Rossemeier. Inzir è un circolo Arci.



Martedì 12, mercoledì 13 e giovedì 14 novembre, alle ore 21,00, al Cinema Verdi di Forlimpopoli, in piazza Fratti nella corte della Rocca, per la rassegna cinematografica “Cinema e Diritti Umani” promossa da Amnesty International, Gruppo di Forlì, verrà proiettato il film “Rwanda“, regia di Riccardo Salvetti, con Marco Cortesi e Mara Moschini (anno 2019 – 90 min).
Rwanda, 6 Aprile 1994. La piccola repubblica africana viene sconvolta da uno dei genocidi più veloci e sistematici della Storia: un milione di morti in cento giorni. La crisi economica che imperversa da anni deve avere un colpevole. Nella follia collettiva il dito è puntato contro i Tutsi: la minoranza etnico sociale, gli altri, i diversi, gli stranieri. Il bagno di sangue ha inizio. Augustin è Hutu e deve uccidere. Cecile è Tutsi e deve morire, eppure qualcosa darà loro la forza di compiere un gesto di indimenticabile coraggio. Ciò che avvenne durante quella primavera di sangue non solo cambierà la loro vita, ma anche quella di due attori chiamati a interpretarli tanti anni più tardi sulle tavole di un palcoscenico.
Alle proiezioni saranno presenti il regista e gli interpreti del film. Ingresso a pagamento.