L’incontro “Quali novità in materia di inclusione?”

0

Integrazione scolastica, un punto di forza del nostro sistema educativo, però… Le associazioni che operano nel settore della disabilità e dell’educazione, l’ANMIC, l’ANFFAS, il CIDI di Forlì, promuovono per il giorno giovedì 28 novembre, alle ore 15,30 alla Sala Mappamondo, in via Borghetto Accademia 6 (Istituti comprensivi 1 e 2) di Forlì, un incontro per approfondire le novità in materia di inclusione scolastica. Infatti, negli ultimi anni, ben due decreti legislativi (n. 66/2017 e 96/2019) hanno modificato alcuni aspetti dell’integrazione degli allievi disabili nelle classi comuni. La scolarizzazione nella scuola di tutti è una scelta dovuta a leggi importanti (come la 517/1977 e la legge quadro 104/1992), che devono però essere aggiornate e verificate nel loro impatto con la realtà.

Le norme più recenti propongono un approccio non solo di tipo medico e riabilitativo, ma tengono conto del contesto di vita della persona con handicap, delle sue relazioni sociali, del suo progetto educativo. Nel corso dell’incontro, tenuto da Luciano Rondanini, esperto del settore, saranno approfonditi i nuovi metodi di conoscenza della disabilità (il sistema ICF) e le sue implicazioni nella progettazione didattica delle scuole (il PEI, le scelte didattiche, le responsabilità dei diversi operatori). La scuola forlivese è sempre stata all’avanguardia in tema di inclusione (in provincia son oltre 700 i docenti di sostegno appositamente dedicati all’integrazione, ma molti di questi sono sprovvisti dei titoli di specializzazione e molti sono precari), ma la ricerca e la formazione continua sono indispensabili. L’incontro sarà aperto dal nuovo provveditore agli studi di Forlì Mario Maria Nanni; dall’assessore comunale Paola Casara; dalle presidenti di ANMIC Loretta Lega e ANFFAS Giuliana Gaspari Servadei.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRagni: "Il primo atto in caso di mia elezione la presentazione del progetto di legge per la definizione del limite fra Emilia e Romagna"
Articolo successivoÈviva Forlì domani all'incontro di "Emilia-Romagna Coraggiosa"
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).