Oratorio San Sebastiano Forlì

Giovedì 14 novembre, alle ore 18,30, all’Oratorio San Sebastiano, in via Pace Bombace a Forlì, si terrà l’inaugurazione della mostraUn ambiguo malanno” alla presenza di Andrea Cintorino, assessore alle pari opportunità del Comune di Forlì, e di Valentina Ravaioli, consigliere regionale, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. L’esposizione, curata da Angelamaria Golfarelli, vedrà protagoniste le artiste Fiorenza Pancino, Antonella Ravagli e Maria Chiara Zarabini.

La scelta del titolo è stata suggerita dall’ultimo libro di Eva Cantarella: “L’ ambiguo malanno. La donna nell’antichità greca e romana”. Da questo testo infatti è scaturita la riflessione delle artiste e della curatrice sugli aspetti istruttivi di una storia che mostra come il cammino verso l’emancipazione sia tutt’altro che irreversibile. “Ovviamente – come esprime la Cantarella – nessun parallelo è possibile tra quei tempi e quelli in cui viviamo: la storia non si ripete mai. Ma ancora una volta ci mostra che il suo cammino non è lineare, e che non sempre procede verso situazioni più progredite. Oggi, molti riconoscimenti, molte conquiste fatte dalle donne sono messi in discussione, e una mentalità che sembrava finalmente e definitivamente superata sembra riemergere dal passato. I termini del problema sono cambiati, ma quella che una volta veniva chiamata la questione femminile esiste ancora. Oggi è indispensabile cercare di capire cosa è cambiato nelle relazioni tra sessi, e in che direzione e perché“.

All’interno della mostra, come ogni anno, si terrà martedì 26 novembre alle ore 17,30, l’evento “Ribellioni segrete” che consisterà nell’aprire l’apposito contenitore posto all’Oratorio San Sebastiano durante tutto il periodo della mostra e leggere tutti i messaggi lasciati dal pubblico, anonimi o firmati, per riflettere sul tema della violenza sulle donne.
L’esposizione resterà aperta dal 14 al 27 novembre dal lunedì al venerdì dalle ore 9,30 alle 12,00 e dalle 15,30 alle 18,30; sabato e domenica dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 19,00.