La-Fanzinoteca-sul-Foglio-Clandestino

Sul numero di novembre, il 84/85 del XXIII° anno di pubblicazione, del periodico Il Foglio Clandestino dedica ampio spazio, ben otto pagine, per presentare al proprio pubblico la realtà, unica a livello nazionale, della Fanzinoteca d’Italia 0.2 – Centro Nazionale Studi Fanzine. Con un pezzo dal titolo “Sulla Fanzinoteca d’Italia” a firma di M. B. A., il lettore di turno può scoprire, non solo che cosa è e perché c’è la Fanzinoteca, ma anche il suo contenuto con il relativo valore socio-culturale che riveste.

Circa 10.000 documenti delle auto-edizioni fanzinare italiane, pezzi difficili, se non impossibili, da poter trovare altrove, grazie ai quali lo studio e la ricerca hanno materiale idoneo per concretizzare articoli, analisi e, non per ultimo, tesi di laurea. Infatti, al momento, sono ben 9 le tesi realizzate fino ad ora col supporto di assistenza esterna da parte dell’esperto nazionale Gianluca Umiliacchi. Oltre al pezzo citato, segue un testo più contenuto dal titolo “Appunti di base sul concetto della produzione auto-edita fanzinara per la letteratura” a firma di Umiliacchi, un breve saggio dedicato all’ambito della letteratura vissuto ed espresso dagli appassionati.

Il Foglio Clandestino è un aperiodico ad apparizione aleatoria pubblicato da ventitré anni dalle Edizioni del Foglio Clandestino a Milano, per contatti e richieste redazione@ilfoglioclandestino.it. Una pubblicazione attivata con l’intento di smuovere l’apatia culturale che, purtroppo, in troppi casi circonda la nostra opulenta società. Ecco, quindi, grazie a questa testata, una valida occasione per scoprire i segreti dell’unica Fanzinoteca che si può trovare in Italia, attraverso il testo si offre a tutti i fruitori l’opportunità di conoscere la storia, struttura e servizi fanzinotecari, e se non è sufficiente potete sempre recarvi direttamente in sede.

Comprendere, inoltre, come per mezzo delle pubblicazioni dettate dalla “vera” passione si generano prodotti che si propongono ben al di là di una cultura piatta e ripetitiva, sterile e cristallizzata, grazie alla realtà culturale di notevole interesse e, indubbiamente, di grande importanza sociale come la produzione quella fanzinara auto-edita. Alla Fanzinoteca d’Italia 0.2 l’esperto fanzinotecario, con la partecipazione dello Staff Fanzinoteca, è sempre ben disponibile per mostrare e far scoprire la produzione delle auto-edizioni fanzinare; la vera “stampa libera”.

Ampia disponibilità dello staff per chiarire i vari aspetti legati alla frenetica attività, con proposte uniche di eventi, manifestazioni e iniziative, in taluni casi atipiche a livello nazionale dato il tema affrontato. Il Centro Nazionale Studi Fanzine, unica realtà dedicata al recupero, alla salvaguardia e alla promozione fanzinara, è il punto di riferimento per fanzinari, autori, e tutti interessati alle auto-edizione, oltre a studiosi e universitari. Ricordiamo che la “Biblioteca delle fanzine”, grazie anche al supporto del Comitato di Quartiere Ca’Ossi e l’Associazione 4Live, è disponibile, previo accordo, per aperture su richiesta. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni fanzinoteca@fanzineitaliane.it.

CONDIVIDI
Articolo precedenteZanetti: «Perchè non viene rimossa l'affissione abusiva e contravvenuti gli autori?»
Articolo successivoI Verdi: «Sulla demolizione della Barcaccia Zattini è caduto nel tranello»
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.