Fumettoteca-Alessandro-Callegati-Calle

A Forlì, sabato 23 novembre, con l’adesione alla “Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza” la Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” con una apertura straordinaria dalle ore 18,00, ospiterà l’incontro per la presentazione del libro “Il coccodrillo annoiato” dell’autore Paolo Orsini.

L’iniziativa promossa per “International Children’s Rights Day” 2019 vede inoltre l’allestimento, avviato il 18 fino al 24 novembre, di una proposta espositiva consultabile realizzata con i bambini proposti nei fumetti dal titolo “Bambini Terribili”! Ma di cosa parla “Il coccodrillo annoiato”? Partendo dal domandarsi cosa succede nella giungla? scopriamo inseguimenti, esplosioni ed epiche battaglie? Una storia piena di sorprese e situazioni assurde, in cui il protagonista non brilla certo per iniziativa! Insomma un libro tutto da vedere. Oltre al poter rintracciare le copie del libro presentato, fino ad esaurimento, fumetti vari in omaggio al pubblico, con rinfresco finale.

“Bambini Terribili”, quanti e quali? Chi non conosce la banda di Charlie Brown, col mitico Linus? E la cappelluta piccola grande Mafalda? Dal primo personaggio dei fumetti, proprio un ragazzino con il nome che lo conferma, Yellow Kid, alle marachelle dei nipotini del Capitano, Bibì e Bibò, passando per i tantissi “bambini” del Corriere dei Piccoli fino ai più recenti come Calvin e Hobbes e molti, moltissimi altri. Ovviamente non possono mancare i disneyani Qui, Quo, Qua e la versione del Paperino infante, ovvero Paperotto! Quindi tanti bambi fumettati, più di quanti se ne possono immaginare! Vedere per credere. Obiettivo di questa iniziativa è la sensibilizzazione del pubblico sul tema dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, oltre all’invito di riscoprire le relazioni sociali e ritrovare il piacere di stare insieme, comunicare e confrontarsi anche solo per leggere o parlare di fumetti. Un’altra delle molteplici iniziative della Fumettoteca Regionale Alessandro Callegati “Calle”, unica realtà in tutta l’Emilia-Romagna che prosegue nel proporre il proprio calendario, ben nutrito, previsto per il 2019.

A ritmo incalzante, si presentano al pubblico iniziative legate alla vastità dell’editoria fumettistica nazionale, legate alle tematiche sociali, culturali o anche solo di passatempo. Grazie alla Fumettoteca, i cittadini e la la città di Forlì, per mezzo delle innovative ed eccezionali proposte, della serietà e professionalità dello staff Fumettoteca, può rintracciare una esperienza e conoscenza fumettistica per saldare un valido rapporto partecipativo che la città mostra di volere col fumetto. Grazie anche al supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2 e il Comitato di Quartiere Ca’Ossi e 4live, proseguono i suoi servizi e i progetti della “Biblioteca dei fumetti”, il tutto sempre e solamente realizzato in veste di volontariato. La realtà fumettotecaria è disposta a mettere in campo, per tutti gli interessati, consigli e lezioni di fumetto, laboratori, corsi, incontri e supporto per tesi di laurea, e con il progetto Giovani youngERcard dare spazio alla volontà di volontariato per chiunque lo desideri fare. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni 3393085390.

CONDIVIDI
Articolo precedente"Chi me lo ha fatto fare?" al Teatro di Civitella
Articolo successivoConversazioni con Piero Camporesi e "Mani in pasta" al Mercato delle Erbe
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.