Aurelio Angelucci

«Ricordo con affetto – afferma Alessandro Rondoni – il caro amico Aurelio Angelucci, il popolare “Tugnaz”, che ci ha fatto amare la Romagna, il suo dialetto e le sue tradizioni». Rondoni aggiunge: «Ha collaborato con me a Il Momento con la sua rubrica “Amarcord”. Tanti i momenti vissuti insieme a lui al San Luigi e a Santa Rita, con gli spettacoli teatrali del Cinecircolo del Gallo, e al Rondo Point con la sfoglina Maria, dove si esibiva anche vestito da Babbo Natale. Raccontava le sue partecipazioni a film e a quiz televisivi, le amicizie con attori, registi e campioni di ciclismo fra cui Baldini, Pambianco e Adorni. E ricordava le sue origini all’oratorio San Luigi, gli incontri con don Pippo e don Ricci. Aurelio era una persona buona, ricca di talento e di umanità».

«Conosco da sempre Aurelio Angelucci, Tugnaz. Anche se maestro lo è stato per poco e tanto tempo fa, per noi ragazzi di allora è sempre rimasto il “Maestro” Angelucci. In questo riconoscendogli la figura del formatore, di colui che avvicina alle arti, al teatro. Con il Cinecircolo del Gallo aveva creato una realtà aggregante, baluardo culturale per la salvaguardia del dialetto romagnolo. Le mie sentite condoglianze alla famiglia» il ricordo di Alessandra Ascari Raccagni presidente del Consiglio Comunale.