Calcio-Alfonsine-Forlì

Alfonsine – Forlì: 0-0

Alfonsine: Carroli, Ricci Maccarini, Manara, Magri, Bertoni, Succi, Alessandrini (67′ Santucci), Derjai, Innocenti, Saporetti (85′ Tavolieri), Venturi (81′ Ricciotti). A disp.: Palermo, Hysa, Grieco, Savelli, Gavoci, Casadei. All.: Gori.
Forlì: De Gori, Baldinini, Biasol, Pastorelli (38′ Albonetti), Pop, Marzocchi, Gomez (65′ Souare), Vesi, Ballardini, Pellecchia (49′ Bonandi), Buonocunto. A disp.: Baldassarri, Zamagni, Favo, Galanti, Pacchioni, Ferraro. All.: Paci.
Arbitro: Silvia Gasperotti di Rovereto. Assistenti: Giuseppe Daghetta di Lecco, Tommaso Ercolani di Milano.
Note – Ammoniti: Succi, Ricci Maccarini, Pastorelli, Vesi, Ballardini, Bonandi. Corner: 6-5.
Recupero: 3’ e 5’.

Il Forlì esce dallo stadio Brigata Cremona di Alfonsine nell’11° giornata di serie D con la sensazione di aver gettato via 2 punti più che averne arpionato uno con un pareggio “ad occhiali”. Forlì in campo senza gli squalificati Sedioli e Gkertsos. Partita sotto tono rispetto alle precedenti con i Galletti che non sono riusciti a scardinare il bunker creato ad arte dai padroni di casa. I casalinghi, infatti, si sono presentati in campo con un solido 4-4-2 che spesso si trasformava alla bisogna in 4-5-1, quindi un sistema di gioco molto difficile per i biancorossi con il solo gioco “palla a terra” in continuazione senza trovare più qualità e un maggiore dinamismo necessari per ribaltare il canovaccio.

Nel primo tempo l’azione che ha portato i Galletti vicino alla rete si è verificata dopo gli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Buonocunto, colpo di testa di Biasol e Ballardini posizionato nel secondo palo colpisce a botta sicura ma Carroli para e devia. Per l’Alfonsine invece da segnalare un palo colpito. Poco dopo il 30′ Paci ha inserito Albonetti per Pastorelli per cercare di dare maggiore qualità al centrocampo.

Nel secondo tempo è entrato Bonandi facendo un’ottima gara illuminando tutta la squadra, un “folletto” imprendibile per gli avversari, solo che un po’ di sfortuna, un po’ di precipitazione il risultato alla fine è rimasto in parità. Sfortuna nel gran tiro di Albonetti che ha colpito il palo interno per poi attraversare tutta la porta e uscire di niente; precipitazione quella di Souare a portiere praticamente battuto ha colpito la traversa poi la palla è rientrata in campo e nessuno è riuscito a ribattere in rete. Il Forlì comunque ha costantemente attaccato ma è mancata un po’ di determinazione. I Galletti devono giocare bene, sempre, per potere poi realizzare dei gol, manca chi realizza sotto rete anche un’azione meno bella. Il Forlì deve essere convincente e propositivo per 90′ per portare a casa i tre punti. Questo al momento il limite vero dei ragazzi di Paci, dall’altra parte l’Alfonsine ha una rosa più modesta con tanti giocatori presi dall’Eccellenza e quindi una squadra con un organico e un blasone inferiore rispetto agli squadroni che il Forlì ha battuto. Per questo motivo l’analisi porta a dire che sono più 2 punti gettati via piuttosto che 1 guadagnato e una grossa occasione persa per arrivare in classifica nella zona a ridosso dei playoff. Col punto guadagnato il Forlì sale (in 10° posizione) a quota 14, mentre l’Alfonsine resta a tre punti dai biancorossi a 11.

Le pagelle del Forlì.
De Gori: 6,5. Gestisce con sicurezza i palloni che piovono nella sua area. Nel primo tempo decisiva una sua deviazione sul palo di un pallone calciato sull’ennesima mischia.
Baldinini: 6,5. Arretrato rispetto la sua posizione naturale, con sovrapposizioni a getto continuo è uno degli ultimi ad accettare il pareggio.
Biasol: 6,5. Ci ha abituato a prestazioni senza sbavature, oggi è stato graziato due volte dall’arbitro.
Vesi: 6,5. Un buon secondo tempo sia in fase difensiva sia in quella di costruzione.
Marzocchi: 6. Per tutta la partita costretto più a preoccuparsi dell’ex Venturi (’99) che a proporsi in attacco.
Pop: 6. Giocatore d’ordine e di buon fisico ha attualmente il limite del poco dinamismo.
Ballardini: 6,5. Porta palla e rallenta le azioni, grazie alla sua esperienza riesce comunque a rendersi utile in ogni momento della gara.
Pastorelli: 6. Aveva di fronte Manara (2002) tutte e due scuola Cesena, si sono annullati a vicenda. Sostituito prima della fine del primo tempo per ridisegnare l’assetto d’attacco forlivese.
Pellecchia: 6. Qualche buona giocata, non attacca lo spazio e intasa il centrocampo.
Buonocunto 6. Esterno, mezzapunta o centrocampista, incide poco nel gioco d’attacco. Nel secondo tempo non aggancia un assist di Bonandiche sembrava alla sua portata.
Gomez: 6. Combatte su ogni palla come sempre, non risulta abbastanza incisivo in zona gol.
Bonandi: 8. Un folletto imprendibile che ha impaurito gli avversari costringendoli alla doppia marcatura per arginare le sue giocate geniali (ma invane).
Souare: 6,5. Meritava il gol in un paio d’occasioni, peccato per la traversa a portiere battuto.
Albonetti: 7,5. Il giovane entra e cambia l’inerzia del match a favore del Forlì. Bellissimo il tiro che ha colpito il palo interno della porta avversaria.
Mister Paci: 7. Le prova tutte per scardinare il bunker avversario. Analizzando le partite fin qui giocate si può affermare che il limite di questa squadra è che costruisce tanto e concretizza poco.