Forlì aeroporto

Con una risoluzione a prima firma del consigliere regionale e capogruppo in consiglio comunale Massimiliano Pompignoli, la Lega impegna la Giunta Bonaccini “ad attivarsi con ogni strumento a sua disposizione per consentire, entro la primavera 2020, la riapertura dell’aeroporto di Forlì, anche attraverso lo stanziamento, nel prossimo bilancio di previsione, di risorse regionali sufficienti a garantire la piena operatività dello scalo”.

Per la riapertura del Ridolfi è fondamentale l’impegno e l’attivazione di tutte le istituzioni locali e in particolare il concorso finanziario della Regione Emilia-Romagna. Mi auguro che questo avvenga a dicembre, nell’ambito della discussione del prossimo bilancio di previsione – spiega Pompignoli – il tempo stringe e la programmazione dei voli per la primavera 2020 è agli sgoccioli”.

Nel testo della risoluzione Pompignoli ripercorre gli ultimi ‘traguardi’ della società di gestione e ricorda positivamente “la conclusione dell’istruttoria tecnica che consentirà all’aeroporto di Forlì di rientrare nell’elenco degli scali di rilevanza nazionale, per i quali è lo Stato che provvede a fornire il personale dei Vigili del Fuoco. Adesso è indispensabile reperire le risorse nella prossima legge di bilancio nazionale e procedere con la firma del decreto da parte del Ministero dei Trasporti di concerto con il Ministero dell’Interno”.

Per questo motivo, il consigliere della Lega chiede alla Regione di “sollecitare il governo affinché proceda rapidamente alla sottoscrizione del decreto interministeriale funzionale alla programmazione dei voli per la prossima primavera e si impegni a inserire, nella prossima legge di bilancio, le risorse finanziarie indispensabili a rendere operativa l’istruttoria tecnica che consentirà all’aeroporto di Forlì di rientrare nell’elenco degli scali di rilevanza nazionale”.