confartigianato

C’è l’esigenza evidente di modificare la norma sullo sconto in fattura dell’ecobonus. È quanto ha dichiarato il Ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, durante il question time in Senato spiegando che, nonostante le intenzioni positive, la norma ha “certamente prodotto un risultato negativo su una parte di attività produttive prevalente nel nostro Paese”. Confartigianato apprezza la volontà del Ministro che ha riconosciuto la fondatezza dell’allarme lanciato dalla Confederazione sugli effetti negativi della norma a danno di mezzo milione di micro e piccole imprese operanti nel settore delle costruzioni, con 1,2 milioni di addetti, l’89% dell’occupazione del settore.

Nei mesi scorsi, Confartigianato ha presentato le ragioni degli imprenditori sia nei confronti dell’Autorità Antitrust sia nei confronti del Governo e del Parlamento, sollecitando la modifica del meccanismo dello sconto in fattura per ecobonus e sismabonus previsto dall’articolo 10 del Decreto Crescita. Ora, dal Ministro dello Sviluppo Economico. arriva la disponibilità a intervenire.

Ritengo – ha detto Patuanelli durante il question time – che ci sia bisogno di un ragionamento che ci porti a trovare gli strumenti finanziari di accompagnamento della modifica della norma. E sono convinto della necessità di ascoltare i diversi portatori d’interesse, tutte le associazioni di categoria dei diversi settori. Dobbiamo attivare un tavolo di confronto per arrivare alla soluzione migliore”. Secondo Patuanelli, “la ratio della norma non era negativa in sé, la scarsa interlocuzione probabilmente ha portato a un risvolto negativo, non voglio fare lo stesso errore”. Confartigianato ha garantito la piena disponibilità a prendere parte al confronto annunciato dal Ministro.