parlami-di-te

Titolo: Parlami di te. Titolo originale: Un homme pressé. Regia: Hervé Mimran con Fabrice Luchini, Leïla Bekhti, Rebecca Marder, Igor Gotesman, Clémence Massart-Weit. Genere commedia drammatica, Francia, 2018, durata 100 minuti.

Trama – È la storia di un importante manager di un’azienda automobilistica che ha messo il lavoro, e l’accumulare beni materiali, al primo posto nella sua vita, trascurando i rapporti con le persone; sia della famiglia, sia colleghi di lavoro. Preso dalla foga di pensare solo alla sua carriera, ad un certo punto il suo fisico inizia a dare i primi segni di cedimento, fino alla comparsa di una grave malattia: l’ictus. Inizialmente non vuole dargli troppo peso, ma poi all’improvviso l’ictus gli cambia completamente la vita. Colpendolo soprattutto nell’area cerebrale connessa al linguaggio e facendolo diventare di colpo umano e buffo nella sua parlata bizzarra. Così, in maniera anche divertente, il regista ha saputo trattare la tragicità della malattia e dell’incomunicabilità tra il protagonista ed i suoi cari. E mentre è impegnato nella riabilitazione organica, cambia anche come persona e i suoi valori diventano più profondi, e riesce a recuperare anche il rapporto con la figlia adolescente, fino ad allora, quasi inesistente.

Il film parla di come una grave malattia che arriva all’improvviso, devastando la vita sia di chi la subisce sia di chi gli sta vicino, possa diventare l’occasione per cambiare i valori della vita e per diventare persone migliori. Lo fa in maniera leggera e divertente pur senza dimenticare la gravità dell’ictus, anche se per alcuni tra noi scriventi, è apparso essere un modo un po’ troppo semplicistico di affrontare i problemi che la malattia comporta.

A chi ne consigliamo la visione e perchè: a tutti coloro che vogliono vedere come si può affrontare un momento difficile in modo spensierato e fiducioso nel futuro; e soprattutto ai famigliari dei malati, per cercare di capire la situazione e di vedere una via di speranza al di là della malattia.

Loretta, Giovanna e Giovanni

CONDIVIDI
Articolo precedenteIn Supercoppa Forlì va a Ravenna senza Ndoja
Articolo successivoSerata con Viviana Forlivesi e Giuseppe Fabbri e la "Gara di pizza Margherita"
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).