piazza saffi con le auto foto di Donato Zilio

Riportare le auto in piazza Saffi sarebbe un provvedimento anacronistico e un miope tentativo di riportare indietro le lancette dell’orologio della storia. Mentre tutte le altre città perseguono la strada della pedonalizzazione dei centri urbani, la Giunta di Forlì porterebbe avanti un improbabile sforzo di rilancio del commercio ripristinando semplicemente una situazione che esisteva decenni fa, come se nel frattempo non fossero mutati gusti, abitudini di consumo e svago dei cittadini e non si fosse moltiplicato il parco auto circolante in città” attacca Federico Morgagni capogruppo consiliare di “Forlì e Co.”.

A quanto è stato affermato dal sindaco – continua – non sarebbe nemmeno escluso di permettere di parcheggiare ai piedi di Saffi, una scelta quest’ultima di cui sarebbe veramente difficile comprendere le motivazioni visto che a Forlì esistono già diversi parcheggi a pochi passi dal cuore del centro. Non meno importante, ricondurre le auto in piazza costituirebbe una scelta anti-ecologica, in assoluta controtendenza rispetto alle esigenze -manifestate da tanti cittadini forlivesi e soprattutto da giovani e studenti nel corso della partecipatissima manifestazione di ieri- di operare per creare un modello di sviluppo più sostenibile e meno inquinante. A questo proposito, appena due mesi fa la stessa maggioranza -sia pure “ai tempi supplementari” e dopo non pochi contorcimenti- aveva votato la mozione con la quale il Consiglio comunale di Forlì ha riconosciuto la crisi climatica, impegnando anche la Giunta ad adottare provvedimenti concreti per affrontarla”.

Il paventato intervento avrebbe quindi il valore di un tradimento rispetto a quanto votato poche settimane fa, con l’inevitabile effetto di diminuire ulteriormente la credibilità delle istituzioni, che invece così tanto bisogno avrebbero di essere credibili, e specialmente agli occhi dei giovani. In conclusione, se la proposta in questione arriverà in Consiglio comunale, noi siamo pronti a dare battaglia con tutti i mezzi e con tutte le forze lavorando -anche sulla base delle proposte che abbiamo presentato in campagna elettorale- alla costruzione di un progetto alternativo per un centro storico attrattivo e sostenibile, e chiedendo alla cittadinanza di mobilitarsi per fare sentire la propria voce su una scelta negativa e dannosa per il futuro della nostra Forlì” conclude Federico Morgagni.