Dal 1° ottobre al 31 marzo riprendono i provvedimenti per ridurre l’inquinamento

0

Con l’arrivo del mese di ottobre tornano in vigore le misure di limitazione alla circolazione previste dal “Piano aria integrato regionale” e mirate al miglioramento della qualità dell’aria e l’emergenza PM10. Il provvedimento sarà in vigore fino al 31 marzo 2020 e prevede le stesse limitazioni alla circolazione dell’anno scorso per le tipologie di veicoli più inquinanti; L’area oggetto di limitazioni al traffico, dal lunedì al venerdì, dalle 8,30 alle 18,30, è la medesima dello scorso anno e comprende su gran parte del centro abitato, con la sola esclusione delle zone industriali/artigianali e la zona dell’ospedale.

II divieto di circolazione riguarda tutti i veicoli a motore eccetto quelli con accensione comandata (benzina) omologati Euro 2 o successive (conformi direttive 91/542, 94/12 o successive); i veicoli con accensione spontanea (diesel) categoria M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati Euro 4 o successive (conformi direttiva 98/69/CE B o successive); i ciclomotori e i motocicli omologati Euro 1 o successive (conformi direttiva 97/24/CE e successive).
Gli stessi divieti di circolazione sono in vigore nelle giornate domenicali del 6 e 20 ottobre 2019, del 3 e 17 novembre, 12 e 26 gennaio, 2 e 16 febbraio, domenica 8 e 22 marzo.

Le limitazioni non si attueranno invece nelle giornate festive di venerdì 1° novembre, mercoledì 25 dicembre, giovedì 26 dicembre, mercoledì 1° gennaio, lunedì 6 gennaio e martedì 4 febbraio.
Dal 1 ottobre al 31 marzo, in tutto il territorio comunale, in tutte le unità immobiliari comunque classificate, dotate di sistema di riscaldamento multi combustibile, sarà vietato utilizzare generatori di calore alimentati a biomasse combustibili solide, dotati di classe di qualità inferiore a 3 stelle.

Scattano inoltre le “misure emergenziali” quando si supera il limite di PM10 per 3 giorni consecutivi. In quato caso, dal giorno successivo al bollettino emesso da Arpae, le restrizioni alla circolazione scattano in modo automatico ampliando il divieto di circolazione a tutti i veicolo diesel Euro 4 e di utilizzo di stufe a bionassa con prestazioni emissive inferiori alle 4 stelle. Dalle limitazioni sono escluse particolari tipologie di veicoli oggetto di deroga come dettagliate nell’ordinanza che sarà consultabile sul sito del Comune di Forlì www.comune.forli.fc.it e sul sito www.liberiamolaria.it. L’ordinanza verrà resa esecutiva con l’apposizione di specifica segnaletica riguardante sia i segnali di divieto di transito, sia eventuali altre forme di informazione agli utenti che si riterranno utili.