San-Domenico-Cibo-Steve-Mc-Curry

I Musei Civici del Comune di Forlì aderiscono all’edizione 2019 delle Giornate Europee del Patrimonio, rivolgendo particolare attenzione alle tre sedi museali di Palazzo Romagnoli, San Domenico e Villa Saffi.
Si tratta di un’occasione per favorire la frequentazione del nostro prezioso patrimonio storico, artistico e monumentale” con queste parole presenta l’iniziativa l’assessore Valerio Melandri, con delega alla promozione del settore culturale, museale e dell’alta formazione universitaria.

Le Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days) costituiscono il più partecipato degli eventi culturali in Europa, promosso dal 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea con lo scopo di far apprezzare e conoscere a tutti i cittadini il patrimonio culturale condiviso e incoraggiare la partecipazione attiva per la sua salvaguardia e trasmissione alle nuove generazioni.

In Italia, com’è ormai tradizione, ogni anno aderiscono all’iniziativa numerosi luoghi della cultura, tra musei, gallerie, aree e parchi archeologici, complessi monumentali, biblioteche e archivi, costruendo un’offerta culturale estremamente variegata, basata su un tema di riflessione comune, che per l’edizione 2019 sarà: “Un due tre… Arte! Cultura e intrattenimento”.

L’Associazione Atrium, in collaborazione con Vertov Project, col contributo del Comune di Forlì, organizza “Visioni Architettoniche. Dibattito e proiezioni di videoarte che attraverso lo sguardo dell’artista contemporaneo rielaborano gli spazi e le architetture”. L’evento, che si terrà sabato 21 settembre dalle ore 15,00 alle 19,00, presso la Casa dello Sport A. Casadei (ex-GIL) in Viale della Libertà n. 2, è inserito nel programma europeo di eventi ed iniziative organizzate in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2019, indette dal Consiglio d’Europa per i giorni 21 e 22 settembre. A partire dalle ore 15,00 sarà possibile vedere videoinstallazioni che interpretano il tema del rapporto tra architettura, storia e rielaborazione artistica contemporanea. Sarà possibile veder “Alzajaa(s)”, l’ultimo lavoro di Francesca Leoni e Davide Mastrangelo co-prodotto da Vertov Project e da Atrium, a confronto con opere realizzate da Basmati Film e Devis Venturelli sulla medesima tematica.
Le opere verranno proiettate in ciclo continuo fino alle ore 19,00. Alle ore 16,30 è previsto un confronto sul medesimo tema a cui prenderanno parte, Piero Deggiovanni, Critico d’Arte, e i videoartisti Francesca Leoni, Davide Mastrangelo, Saul Saguatti, Audrey Coïaniz e Devis Venturelli. L’evento si concluderà con la presentazione del corso di formazione “Creatività e architettura nell’audiovisivo sperimentale”, progettato da Francesca Leoni e Gloria Campanini (CNA Formazione) col sostegno di Atrium.

A Forlì i Musei Civici propongono per sabato 21 e domenica 22 settembre l’apertura delle collezioni permanenti di Palazzo Romagnoli e San Domenico ad orario continuato (9,30-19,00) e ad ingresso ridotto. Comprese nel biglietto di euro 3 anche le mostre “Rocche e castelli di Romagna nelle tavole di Giordano Severi” e “Le eleganti carte di Antonello Moroni” mentre la mostra “Cibo. Steve McCurry”, inedita esposizione degli scatti del fotografo 4 volte vincitore del World Press Photo, sarà visitabile con le consuete tariffe di ingresso.

Domenica 22 settembre inoltre è in programma un’apertura straordinaria di Villa Saffi in via Firenze 164 località San Varano. La Casa Museo, inserita nel circuito “Case Museo dei Poeti e degli Scrittori di Romagna” apre ad ingresso libero dalle 16,00 alle 19,00 e propone alle 16,30 “L’Albero della Vita”, un racconto storico interpretato da Laura Aguzzoni e Giampiero Pizzol (Associazione Culturale La Compagnia Bella) in occasione delle celebrazioni del Bicentenario dalla nascita di Aurelio Saffi. I visitatori sono invitati a condividere immagini e impressioni sui social network con gli hashtag #vivilverde2019 e #GEP2019 : #EHDs #UnduetreArte #MuseiForli.

A Villa Saffi, in occasione della rassegna Vivi il Verde e delle Giornate Europee del Patrimonio, un pomeriggio alla scoperta della storia risorgimentale attraverso un inedito racconto animato sul legame tra progetti dell’uomo e intelligenza della natura.
Domenica 22 settembre Villa Saffi in via Firenze 164, località San Varano, inserita nel circuito “Case Museo dei Poeti e degli Scrittori di Romagna” aderisce alla sesta edizione di Vivi il Verde, iniziativa promossa dall’Istituto Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna che coinvolge i tanti giardini aperti al pubblico presenti sul territorio.
Sottotitolo dell’edizione 2019: “Intelligenza della natura e progetto umano”, una riflessione sulle forme possibili di una nuova alleanza tra l’uomo e la natura, tra la qualità della vita futura e la sopravvivenza della pluralità delle specie viventi.
Nel giardino della Casa Museo alle 16,30 l’Associazione Culturale “Compagnia Bella” propone “L’Albero della Libertà”, racconto storico interpretato da Laura Aguzzoni e Giampiero Pizzol che rende omaggio ad Aurelio Saffi, nel Bicentenario della sua nascita.
Gli alberi accompagnano non solo la vita biologica del nostro pianeta, ma anche quella sociale e politica.
Non a caso un albero della libertà fu piantato nel 1849 nella Piazza di Ravenna per festeggiare il sorgere della Repubblica Romana guidata da Mazzini, Armellini e Saffi.
Le foglie di quell’ albero caddero sotto il gelo invernale come cadde quel bagliore di libertà sotto i colpi dei cannoni francesi. Eppure, come gli alberi spargono i loro semi al vento, anche le idee volano e possono germogliare, fiorire e dare frutti di democrazia e di civiltà.
Dalle 16,00 alle 19,00 sarà inoltre possibile visitare, accompagnati, alcuni ambienti del piano terra della Casa Museo. L’ingresso e la partecipazione all’evento sono gratuiti.
In caso di maltempo il programma sarà rivisto in base alle attività che potranno essere svolte all’interno. Sarà in ogni caso garantita l’apertura della casa museo.