Fumettoteca-Alessandro-Callegati-Mostra-Donazioni-Diabolik-2019

Un riscontro oltre alle più rosee aspettative, il successo e il gradimento suscitato dal ritorno di Diabolik a Forlì, grazie alla Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” che per il mese di agosto ha presentato al pubblico l’innovativa proposta diabolika con la mostra “Prima & dopo una estate Diabolika!“. Successo ben meritato, senza alcun dubbio, considerando la documentazione messa in mostra e visionabile tramite l’esposizione consultabile che, visto l’ottimo risultato, è stata ampliata e aggiornata grazie alle moltissime donazione e si prepara per proseguire anche per tutto il mese di settembre. La mostra che accompagna i visitatori a spasso per il mondo diaboliko è, a tutti gli effetti, un gran successo, un evento unico che, per le sue caratteristiche ha riscosso notevole interesse e molto successo, col pubblico interessato proveniente da tutta Italia e, nel mese vacanziero, presenze numerose proveniente dal litorale di Romagna, Rimini, Cesenatico e Cervia. Numeroso il pubblico di questo primo mese, giovani e meno giovani hanno segnato il gradimento della proposta, la prima iniziativa del ciclo “DDD – DamnDaringDiabolik” (Maledetto Audace Diabolik), manifestazione innovativa programmata e realizzata dalla Fumettoteca che prevede un calendario di iniziative coinvolgenti nell’arco dell’anno; provare per credere.

Circa un centinaio di documenti, prodotti negli anni passati in varie occasioni di eventi e iniziative diabolike, accolgono il visitatore che, attraverso il percorso cronologico predisposto, può scoprire e ad avvicinarsi alla realtà produttiva di una passione diabolika, senza dimenticare la prima edizione di “Un’estate Diabolika” ideata e realizzata dalla Fanzinoteca nel 2010 a Cervia. La soddisfazione del pubblico ha stimolato le offerte di omaggi con la donazione di albi, le varie collane dedicate a Diabolik, sommati ai tantissimi documenti già presenti in sede, con l’intera collana di Nero su Nero, 100 volumi donatici dalla Casa Editrice Astorina editore di Diabolik. Tutto materiale a disposizione del pubblico per la libera lettura e consultazione in comodi divanetti nella sede dell’unica regionale “Biblioteca dei Fumetti” in Emilia Romagna. Quindi, fino al 30 settembre a Forlì nella sede fumettotecaria si potrà visitare la mostra diabolika, in attesa dei prossimi eventi dedicati al “Re del Terrore” come altre esposizioni, incontri e pubblicazioni di albo speciale.

Il progetto fumettotecario, attivato dal febbraio passato, con le collaborazioni del Comitato di Quartiere Ca’Ossi e Associazione 4 Live, prosegue a proporre con un’offerta sempre più vasta e forte di una professionalità concreta, eventi ed iniziative legate alla Nona Arte e alla società stessa. Ricordiamo le recenti proposte passate della “Giornata Internazionale della Gioventù” e l’esposizione “Omaggio a Massimo Mattioli”, e le future, elencando solo le prime in calendario, “Settimana Internazionale della Mobilità”, “Vivi il Verde” e “Giornate Europee del Patrimonio”, attività unica come unica è questa struttura in tutta la Regione Emilia Romagna. Un lavoro notevole che richiede ore e ore di impegno, tutto lavoro realizzato dallo staff Fumettoteca esclusivamente come volontariato. In questo contesto la Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, grazie al supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, si è più che inserita nel mondo giovanile locale e nazionale, con i tanti i servizi e progetti che la “Biblioteca dei fumetti” mette in campo per tutti gli interessati, dai corsi alle lezioni di fumetto con grandi professionisti dell’arte sequenziale, dai laboratori agli incontri specifici, dal supporto per tesi di laurea allo spazio per la volontà di volontariato, col progetto Giovani youngERcard, che si dona a chiunque lo desideri. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni fumettoteca@fanzineitaliane.it – www.fanzineitaliane.it/fumettoteca.

CONDIVIDI
Articolo precedenteMorrone: "Accelerare l'introduzione della vespa samurai per combattere la cimice asiatica"
Articolo successivo"Una serata per Filo"
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.