L’International Cat Day fa tappa alla Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”

0

Quanti sono i gatti nel fumetto? Impossibile definirlo, tanti, anzi molti di più! Certo i più conosciuti dal grande pubblico Silvestro, Felix, Garfield, Tom & Jerry, ecc.. Ci sono i primi dell’era passata, Krazy Kat del 1913, Felix o Mio Mao del 1917, ecc., gatti alternativi come il satirico Fritz the Cat, quelli di spalla o compagnia come la gatta Toni di Julia, gli Aristogatti e ancora, Autogatto, Trottolino, Miciolino, Micetto, Gattolino, Top Cat, Nicotina, Miao, Geremia, Mooch, Joe Felix, Gatto Matto, Ottag, Malachia, Gatto Pepè e tantissimi altri con in aggiunta tutti i nuovi gatti del web. Se poi si considerano anche i personaggi umani che si ricollegano al felino, ecco che abbiamo La Gatta, Catwoman, Il Gatto nemico dell’Uomo Ragno, e ancora La Gatta ladra erotica italiana, insomma una lista infinita, ovviamente, senza dimenticare i cattivi “gatti” di Maus.

A Forlì, giovedì 8 agosto, la Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” ospiterà con una apertura straordinaria dalle 14,00 alle 18,00 l’iniziativa per l’allestimento di una proposta espositiva consultabile realizzata con una miriade di gatti cartacei! Per tutti gli amanti dei gatti e/o dei fumetti, ecco il “International Cat Day”, una giornata da dedicare agli amici felini, anche solamente leggendoli. Divertenti, scaltri, ruffiani, in eterna lotta col topo o col cane di turno, il gatto non manca mai, anche solo di passaggio, come ad esempio nelle copertine dove il titolo “Gli occhi de gatto” è stato proposto innumerevoli volte, oppure, di cambio, “Gli artigli del gatto”. La “Giornata Mondiale del Gatto” in veste fumettistica mette sotto un’altra luce questi pelosi personaggi e, forse, proprio leggendone le storie con protagonisti i simpatici felini molti si sono ritrovati, di seguito, invitati ad averne uno reale. Fumetti vari in omaggio al pubblico.

Quindi tanti gatti fumettati, anzi, troppi e non sarebbe un’idea da scartare attivarsi per realizzare una “Gattoteca, biblioteca dei gatti cartacei”, di certo non mancherebbero i documenti per poterla riempire! In realtà i gatti festeggiano il loro giorno più di una volta l’anno. In Europa il World Cat Day è celebrato il 17 febbraio, in Russia il 1 marzo, negli Usa la festa cade il 29 ottobre, mentre in Giappone il 22 febbraio, poi c’è la giornata del gatto nero il 17 novembre. Sembra che ogni occasione sia buona per ricordarci la loro importanza e, perché no, della loro simpatia! La ricorrenza internazionale, invece, è stata fissata, a partire dal 2002, per l’8 agosto dal Fund for Animal Welfare (Ifaw). Nel nostro Paese però si è scelta la data del 17 febbraio già negli anni ’90, dopo un sondaggio lanciato dalla rivista specializzata Tuttogatto. Febbraio è stato preferito perché è il mese del segno zodiacale dell’Acquario, considerato il segno degli spiriti liberi, proprio come i gatti. E il giorno 17 è stato indicato per sfatare tutti i miti legati alla sfortuna che hanno accompagnato la storia di questo felino. Obiettivo di questa iniziativa è riscoprire le relazioni sociali e ritrovare il piacere di stare insieme, comunicare e confrontarsi anche solo per leggere o parlare di fumetti.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSamori: "Perchè quest'anno non si è svolto il Memorial Sirotti?"
Articolo successivoMezzacapo: "L'Iroman è una grande opportunità per tutta la Romagna"
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.