Fumettoteca-Alessandro-Callegati-Calle-Donazioni-Fumetti-2019

Agosto bollente anche per le donazioni portate alla regionale Fumettoteca Alessandro Callegati Calle“, che giungono senza sosta. Nella seconda settimana di agosto alcune donazioni di varie decine di pezzi, come quella di Mauro Gatti o Anicka Pasi che hanno aumentato il contenuto fumettistico ma, proprio il 15 agosto, dopo averli completamente sistemati, si è potuto constatare che con la cospicua donazione di Andrea e Nicola Falchi, padre e figlio forlivesi, si è arrivati a toccare quota 15mila.

Da una infinità di scatole e scatoloni, consegnati per omaggiare l’impegno fumettotecario, ne è scaturita fuori una smisurata quantità di testate fumettistiche, oltre 50, per una marea di pezzi, circa 1.500. Intere collane dei più noti personaggi bonelliani, Dylan Dog, Nathan Never, Dampyr, Magico Vento, ecc., con tante miniserie complete e altre collezioni di personaggi vari, il notevole quantitativo è stato collocato dalla Biblioteca dei Fumetti negli austeri spazi. Lo staff Fumettoteca ringrazia la famiglia Falchi per il suo sincero e copioso omaggio e avvisiamo, come sempre, per chi desidera fare donazioni fumettistiche alla Fumettoteca, di qualsiasi formato, contenuto, periodo e condizioni, sono tutte sempre ben accette, è sufficiente contattarci.

Estate sempre più calda anche per la solidarietà che non va mai in vacanza e prosegue anche il progetto fumettotecario, alle collaborazioni del Comitato di Quartiere Ca’Ossi e Associazione 4live, con un’offerta sempre più vasta e forte di una professionalità concreta, attuata e gestita in veste di volontariato da semplici appassionati ed esperti del settore, per questa attività unica in Regione. Risultati strabilianti e soddisfacenti, i numeri chiariscono come la “Biblioteca dei Fumetti”, struttura unica in Emilia Romagna, suscita ai lettori coinvolgimento e soddisfazione, donando al pubblico un esempio pressoché perfetto di competenza e serietà. Ad appena sei mesi di attività il parco fumettistico da poter proporre al pubblico è più che raddoppiato, come è raddoppiata la partecipazione agli eventi, e i prestiti, tutti numeri di un semestre da record. Quindi ben definiti gli investimenti sociali del progetto e degnamente chiariti dai numeri: a tutt’oggi 1.551 “Eventi Generali” realizzati dall’attività fumettistica, 45.310 “Partecipazioni” con presenze del pubblico, e le oltre 15.000 “Donazioni” ricevute da circa 40 donatori!

Infine, ma non certamente ultimo, non va dimenticato che tutto il lavoro richiesto, ed è veramente tanto, per questa realtà unica a livello regionale è realizzato dallo staff Fumettoteca esclusivamente come volontariato. In questo contesto la Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, grazie al supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, è ben inserita nel mondo giovanile locale per mezzo delle proposte di percorsi e progetti mirati, attività per nuove relazioni sociali e reti di socializzazione. Sempre tanti i servizi e progetti che la “Biblioteca dei fumetti” è disponibile a mettere in campo per tutti gli interessati, consigli e lezioni di fumetto, corsi, incontri e supporto per tesi di laurea, con il progetto Giovani youngERcard diamo spazio alla volontà di volontariato per chiunque lo desideri fare. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni fumettoteca@fanzineitaliane.it – www.fanzineitaliane.it/fumettoteca.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAlba celtica con il concerto dei TRI al cortile della Rocca Vescovile
Articolo successivoIl 75° anniversario del sacrificio dei partigiani Casadei, Corbari, Spazzoli, Versari
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.