Commemoriazione-Ridolfi-2019

Questa mattina Forlì ha onorato la memoria Luigi Ridolfi e Tullo Morgagni in occasione del Centenario della scomparsa. Il pioniere del volo e l’affermato giornalista morirono infatti in un incidente aereo avvenuto il 2 agosto 1919 nei pressi di Verona e la loro memoria è stata mantenuta viva grazie all’intitolazione di importanti strutture cittadine: l’Aeroporto e lo Stadio.

In occasione dell’anniversario, il Comune ha svolto il coordinamento delle cerimonie la prima delle quali è stata promossa dall’Associazione Arma Aeronautica in collaborazione con le associazioni combattentistiche. Il momento ha avuto luogo presso la tomba di Luigi Ridolfi al cimitero monumentale di via Ravegnana. Insieme al vicesindaco Daniele Mezzacapo sono intervenuti anche il comandante del 2° GMA dell’Aeronautica Militare Italiana Luca Zorzan, Sandro Gasparrini manager di F.A. e la signora Annalisa Bonetti, discendete diretta della famiglia del pilota. Alle ore 10,30 una delegazione del mondo sportivo con rappresentanti del Coni e del Calcio Forlì ha deposto un mazzo di fiori alla epigrafe affissa in memoria di Tullo Morgagni all’ingresso principale dello stadio in viale Roma.

Oggi abbiamo ricordato due illustri figli della nostra città – ha affermato il vicesindaco Daniele Mezzacapo -. Ricordare significa rendere riconoscimento al valore delle persone e fare memoria del perché il loro esempio è importante per tutti noi, oggi. Di Luigi Ridolfi, che fu pioniere del volo, vorremmo evidenziare soprattutto l’amore e la passione per l’Aeronautica civile e militare, nella speranza che il suo esempio funga da riferimento per il futuro di Forlì, dalla formazione scolastica all’Aeroporto che auspichiamo riapra il prima possibile. La figura di Tullo Morgagni ci parla invece di cultura e giornalismo ma anche dell’intraprendenza di un uomo che inventò grandi eventi sportivi, fra i quali il Giro d’Italia. Per queste ragioni il nostro impegno non si esaurisce nelle commemorazioni di oggi ma proseguirà in autunno, dopo la ripresa delle attività scolastica, con iniziative didattiche e culturali“.