Zoli: «La politica della felpa distrugge l’Unione dei Comuni»

0

Il neo sindaco Zattini ha vestito i panni del picconatore e con grande tempismo si affretta ad affondare l’Unione dei Comuni della Romagna Forlivese così com’è configurata oggi con il Comune di Forlì al suo interno. Tutti i Comuni hanno votato nel 2013 per costruirla, con grande entusiasmo e con grandi speranze per tutto ciò che, in particolar modo per i più piccoli, avrebbe significato” attacca Massimo Zoli del Pd di Forlì.

Zattini ha tra i suoi consiglieri diverse sibille che gli sussurrano all’orecchio di dismettere velocemente i panni del sindaco di un piccolo Comune e vestire in fretta la fascia del “Capitano” del Comune di Forlì, dimenticando però un termine che per tutta la campagna elettorale ha sbandierato come suo marchio di qualità, “solidarietà”. Che l’Unione presenti diverse problematiche da risolvere non lo si può negare, ma ora servirebbe un grande sforzo per fare vivere l’Unione nel suo complesso con Forlì al suo interno. Per Forlì e i forlivesi certo è più semplice scaricare i piccoli Comuni e lasciarli al loro destino, ma personalmente ho ancora nel Dna la consapevolezza del grande valore del senso di comunità e che quando vissuto con entusiasmo e concretezza può generare politiche virtuose” continua il Dem forlivese.

La politica della felpa è sbarcata in Comune, ogni quartiere che tiene alla sua esistenza confezioni la sua insegna e la scriva in grande su cappellini e magliette, rivendicando la sua identità. Chi non partecipa alla politica della felpa è probabile verrà accorpato al quartiere più grande che con grande entusiasmo ha aderito alla soppressione della parole solidarietà” conclude Zoli.