Toccare la pace

0

Titolo: Toccare la pace. Autore: Thich Naht Hanh. Genere: trattato filosofico/religioso.
Trama. Il libro tratta il tema della pace, scritto da un maestro zen, che sostiene che al mondo d’oggi non si è ancora raggiunta totalmente la pace. Infatti esistono ancora luoghi in cui si combatte per i più futili e diversi motivi. In sostanza occorrer aggiungere una pace interiore con se stessi, conducendo una vita priva di odio, di rancore e tutti i vari sentimenti che impediscono di essere in pace. Bisogna cercare di raggiungere una completa armonia del corpo e della mente e non farsi coinvolgere da quello che ci circonda e non porta pace come la guerra ed ogni forma di sopruso. Il principio basilare è amare se stessi, così da farsi amare dagli altri.

Perchè ne consigliamo la lettura. È un ottimo spunto di riflessione che analizza i mali della società e insiste molto sulla presa di coscienza di sé e sulla consapevolezza di ciò che è sbagliato. Lo scrittore insiste che non basta eliminare le armi della guerra, se non si distrugge nella propria persona la parte intollerante ed egoistica verso gli altri.

Note sull’autore. Thich Naht Hanh, 93 anni, è un monaco buddhista, poeta e attivista vietnamita per la pace. All’età di sedici anni fu ordinato monaco buddhista. Da allora interpreta e promuove il Dharma quale strumento per portare pace, riconciliazione e fratellanza nella società, accogliendo anche diverse tradizioni. Nel 1964, durante la guerra del Vietnam è stato arrestato e torturato. Nel 1967, mentre si trova negli Stati Uniti, incontra Martin Luther King, il quale, dopo averlo incontrato, lo candida al Premio Nobel per la pace, e prende posizione pubblicamente contro la guerra in Vietnam. Due anni dopo, costretto all’esilio, ha dato vita alla Delegazione di Pace Buddhista, che ha partecipato alle trattative di pace di Parigi. Dopo la firma degli accordi, gli è stato rifiutato il permesso di rientrare nel suo Paese da parte del governo comunista.
Si è quindi stabilito in Francia, dove nel 1982 ha fondato Plum Village, comunità di monaci e laici uomini e donne nei pressi di Bordeaux, nella quale tuttora vive e insegna l’arte di vivere in “consapevolezza”.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’Italia Softball conquista il pass per Tokyo 2020, grazie anche a un pezzetto di Poderi dal Nespoli
Articolo successivoSciopero Sma. Morgagni: "Le istituzioni devono individuare una strategia per garantire il lavoro"
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).