Presentazione del libro “Una croce tra gli Alpini” e la mostra di Katjuscia Tomasella

0

Sabato 6 luglio a Premilcuore, alle ore 21,00, in via Roma Balducce nel cartellone “Un’estate da leggere” Paolo Poponessi presenta il suo libro “Una croce tra gli Alpini. Un cappellano militare nelle guerre di Mussolini“.
Ambientato nel Ventennio fascista il libro muove i passi dalla figura di don Carlo Poponessi, cappellano militare in servizio già durante il conflitto in Etiopia e, in seguito, tra gli alpini in Grecia e Russia dove morì in prigionia. Il racconto si spinge in profondità riportando alla luce fatti, testimonianze, memorie di tante vite di italiani sconvolte e perdute. Centinaia di migliaia di civili e soldati italiani finirono sacrificati sull’altare della politica di dominio del regime fascista.



Continuano le esposizioni nel negozio di articoli per belle arti di corso Diaz 57 a Forlì. Da sabato 6 a venerdì 18 luglio, potranno essere ammirate nei locali della Mesticheria Casadei le opere di Katjuscia Tomasella. Le opere sono visibili 24 ore su 24 nella vetrina sul corso.
Katjuscia Tomasella è nata a S. Cataldo (Caltanissetta) nel 1972, ma da tempo abita a Forlì. Già dall’età di dodici anni ha dimostrato una spiccata attitudine per la pittura che, compatibilmente con i successivi impegni di famiglia e di lavoro, ha coltivato con immutato interesse e costante ricerca. Ha conseguito due diplomi di maturità artistica, rispettivamente in Arte del Tessuto all’Istituto Statale d’Arte “Filippo Juvarra” di S. Cataldo e in metalli e oreficeria all’Istituto Statale d’Arte di Forlì, con crediti in decorazione e restauro. Il suo innato talento artistico e disegnativo si è prevalentemente rivolto sia alla pittura, curata con spiccata attenzione, sia alla ceramica, risolta sopratutto in ambito scultoreo. Molteplici sono state le tematiche finora elette dall’artista che, sovente, ha indirizzato il suo estro cromatico e segnico puntuale e calibrato, alla figura umana, avvertita con rimembranza classica ed inserita in paesaggi del mito e del sogno. Ha partecipato, fin da giovanissima, ad innumerevoli estemporanee e a numerose collettive in Sicilia e in Romagna, ottenendo positivi riscontri di critica e significativi riconoscimenti, fra cui ragguardevoli primi premi in pittura e scultura. “Classica”, allestita nella Sala XC Pacifici a Forlì è una sua importante mostra personale, articolata in un notevole corpus di opere pittoriche e scultoree esplicative delle attuali mete da raggiungere dall’artista.