Fumettoteca-Alessandro-Callegati-Calle-Donazioni-Fumetti-2019

Estate sempre più calda, anche per le donazioni che alla regionale Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” continuano a giungere senza sosta. Donazioni sostanziose anche da fuori provincia, infatti da Castel Bolognese ci sono arrivati circa 1.000 pezzi, consegnati dai due donatori, padre e figlio, Fabrizio e Giovanni Tura, proprio vero, la solidarietà non va mai in vacanza. Risultati soddisfacenti, e ovviamente ben meritati, e i numeri sono chiari a dimostrare come la Fumettoteca a lunghi passi si avvicina a quota 14.000, grazie alle tantissime donazioni ricevute. La “Biblioteca dei Fumetti”, unica unica nella Regione Emilia Romagna, custodisce documenti di difficile reperimento che rappresentano uno spaccato della realtà socio-culturale altrimenti difficilissimo da poter rintracciare in altri luoghi, biblioteche civiche incluse.

La Fumettoteca ringrazia tutti coloro che spinti da solidarietà si sono mossi per rendere più corposo e variegato il contenuto fumettistico da proporre ai lettori, invitando tutti coloro che desiderano fare donazioni dei loro fumetti di contattarci senza alcun timore.
Da Forlì si prosegue col progetto fumettotecario, anche con la collaborazione del Comitato di Quartiere Ca’Ossi e i tanti omaggi per l’attività fumettistica, che grazie alla conoscenza ed esperienza dello Staff Fumettoteca possono trovare una adeguata collocazione e i fruitori adatti. Anche per questo con un record di presenze raddoppiate, la Fumettoteca festeggia il suo primo Semestre. Toccata la soglia di varie centinaia di fruitori per i servizi fumettotecari, grazie a un’offerta sempre più vasta.

Grazie alla grande e variegata proposta e alle informazioni territoriali, si può affermare che questo primo Semestre termina con un riscontro più che positivo, ed ecco quali sono i numeri della proposta fumettistica forlivese. I circa 14.000 documenti compongono una proposta importante per risultati culturali di visibilità e di interesse sociale vario e mai banale, ripetitivo o scontato. Il prestito, che ha visto un aumento del 70%, ha suscitato ai lettori coinvolgimento e soddisfazione, donando al pubblico un esempio pressoché perfetto di professionalità e serietà. La parte delle iniziative ed eventi, definita di mese in mese, aveva il compito di accattivare e stimolare la partecipazione, e lo ha fatto con ben 30 proposte significative: a partire dalla mostra, di spessore nazionale, dedicata al grande autore Leone Cimpellin, fino alle adesioni ad eventi europei e mondiali come la Giornata internazionale contro il consumo e il traffico illecito di droga e la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, solo per citarne alcune.

Non va dimenticato che tutto il lavoro richiesto, ed è veramente tanto, per questa realtà unica a livello regionale è realizzato dallo staff Fumettoteca esclusivamente come volontariato. La definizione dell’impegno investito nel progetto sono ben chiariti dai validi numeri, che al momento mostrano la realizzazione di 1.543 “eventi generali”, con 45.266 “partecipazioni” presenziare dal pubblico, e ben 13.537 “donazioni” da 33 persone. La Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle”, grazie al supporto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, è ben inserita nel mondo giovanile locale per mezzo delle proposte di percorsi e progetti mirati, attività per nuove relazioni sociali e reti di socializzazione. Tanti i servizi e progetti che la “Biblioteca dei fumetti” è disponibile a mettere in campo per tutti gli interessati, consigli e lezioni di fumetto, corsi, incontri e supporto per tesi di laurea, con il progetto Giovani youngERcard diamo spazio alla volontà di volontariato per chiunque lo desideri fare. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni fumettoteca@fanzineitaliane.it – www.fanzineitaliane.it/.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSerata dedicata alla musica irlandese e la commedia "Par spuses u i è temp"
Articolo successivoMichele Marasco & Entroterre Flute Ensemble in concerto
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.